Glocal news
Primi in Italia

Dal caporalato alla prostituzione: ecco come il Veneto contrasterà sfruttamento e tratta di persone

Il presidente Zaia: "Primi in Italia, un obbligo morale e un segno di civiltà". Il protocollo, flessibile, potrà essere aggiornato e migliorato dopo un periodo di prova.

Glocal news 02 Giugno 2022 ore 08:30

Collaborazione per il contrasto ai purtroppo diffusi fenomeni di tratta delle persone e di grave sfruttamento.

Regione Veneto e Tribunale di Venezia uniti contro tratta di persone e sfruttamento

La Regione del Veneto e il Tribunale di Venezia collaboreranno per il contrasto ai purtroppo diffusi fenomeni di tratta delle persone e di grave sfruttamento.

LEGGI ANCHE: Caporalato Grafica Veneta: il titolare non sapeva nulla dello sfruttamento degli operai

Lo prevede un protocollo d’intesa, già formalizzato dalla Giunta regionale con la delibera nr. 192 del 28 febbraio 2022, che è stato presentato oggi, mercoledì 1 giugno 2022, a Palazzo Balbi dal Presidente della Regione, Luca Zaia, e dal Presidente del Tribunale di Venezia, Salvatore Laganà.

Qui tutti i dettagli del progetto

Regione e Tribunale favoriranno il tempestivo riconoscimento delle vittime di tratta e di grave sfruttamento, oltre a individuare meccanismi di calendarizzazione prioritaria nella trattazione di nuovi o già pendenti procedimenti giudiziari di protezione internazionale.

In quest’ambito è prevista l’attivazione di misure operative e di formazione per tutelare e garantire il riconoscimento delle vittime di tratta che accedono alla giustizia, per promuovere azioni di sensibilizzazione e formazione sul fenomeno della tratta e del grave sfruttamento, al fine di consentire una consapevole emersione delle condizioni delle vittime, per assicurare loro protezione e minimizzare il rischio di vittimizzazione secondaria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Reclutava cittadini extracomunitari per lavorare nei campi in turni massacranti a 5 euro l’ora

“E’ motivo di orgoglio – ha detto il Presidente della Regione – essere i primi in Italia rendere operativo un accordo di questo genere, applicando il concetto della collaborazione con il Tribunale in ambito sociosanitario. E’ un obbligo morale e un segnale di civiltà – ha aggiunto – fare tutto il possibile, ognuno nel proprio ambito di competenze, contro un fenomeno inqualificabile, un vero e proprio regime di schiavitù, che sta assumendo i contorni di una vera emergenza sociale e che coinvolge per il 67% donne e per il 27% uomini”

La collaborazione tra Regione e Tribunale s’inserisce nell’ambito del Progetto “N.A.V.I.G.A.Re” (Network Antitratta Veneto Intersezioni Governance Azioni Regionali), avviato nel 2021, di cui la stessa Regione è capofila, che si configura come un sistema di interventi sociali e sociosanitari per realizzare misure di assistenza a favore di vittime di tratta di esseri umani e di grave sfruttamento nell’ambito sessuale, lavorativo, dell’accattonaggio, nelle attività illegali e nei matrimoni forzati.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter