Prodotto ritirato

Occhio al muesli con ossido di etilene: è cancerogeno

Richiamo alimentare dopo l'allerta del Ministero della salute: fate attenzione.

Occhio al muesli con ossido di etilene: è cancerogeno
24 Ottobre 2020 ore 12:26

Il Ministero della Salute ha lanciato un nuovo allarme per i semi di sesamo e müesli con fiocchi di farro contenenti ossido di etilene.

Nello specifico i prodotti richiamati sono le confezioni in buste trasparenti da 500 gr di sesamo decorticato e i müesli con fiocchi di farro lotto di produzione  L20210830 in confezioni da 375  grammi, entrambi a marchio FUCHS – NATURKOST prodotti da FUCHS J. Srl nello stabilimento di via della Palude n 11 a Castebello (BZ) – Alto Adige con scadenza 30.08.2021.

Muesli con ossido di etilene: ritirato

L’ossido di etilene è un composto chimico di elevata produzione a livello mondiale ed utilizzato in vari settori industriali. Vi sono dati disponibili in letteratura sui potenziali rischi per la salute, in particolare cancerogeni, dovuti alla esposizione nell’ambiente di vita generale e negli alimenti. E’ chiara l’evidenza della cancerogenicità per l’uomo, come risulta dagli studi di genotossicità e cancerogenicità in vitro ed in vivo.

L’ossido di etilene è un composto che viene utilizzato per controllare gli insetti come fumigante per spezie, condimenti e prodotti alimentari. I semi di sesamo sono stati utilizzati per prodotti da forno, le notizie della presenza di ossido di etilene, un cancerogeno genotossico, sono giunte i primi di settembre dal Belgio e ora riguardano segnalazioni per 20 paesi.

Secondo la FoodSafetynews.com, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, tra i paesi che hanno lanciato l’allarme oltre l’Italia ci sono: Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Austria, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Polonia, Russia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Svizzera sono tutte elencate come colpite.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità