Di corsa contro il cancro

Un monumento storico dei motori come l'Autodromo di Monza farà da sfondo a una gara di solidarietà

Di corsa contro il cancro
Altro 23 Maggio 2017 ore 17:33

Un monumento storico dei motori come l'Autodromo di Monza farà da sfondo a una gara di solidarietà

Un monumento storico dei motori come l'Autodromo di Monza farà da sfondo a una gara di solidarietà. E' con questa suggestiva immagine che è stata presentata “Solidarietà in pista”, la manifestazione podistica non competitiva organizzata da Cancro Primo Aiuto in collaborazione con il circuito editoriale.

L'appuntamento è per sabato 27 maggio a partire dalle ore 7.30 nell’area dei paddock accanto ai box della pista. Scopo della manifestazione è raccogliere fondi per dotare l'Ospedale San Gerardo di Monza di un nuovo acceleratore lineare per curare gli ammalati di cancro.
L'iniziativa è stata presentata ufficialmente lo scorso 16 maggio nella sala Giunta del Comune di Monza che ha garantito il patrocinio. Erano presenti il sindaco Roberto Scanagatti, il consigliere incaricato allo sport Silvano Appiani, l'amministratore delegato di Cancro Primo Aiuto, Flavio Ferrari, il direttore generale dell'Asst Monza e Brianza, Matteo Stocco, e l'amministratore delegato delle Cliniche Zucchi, Renato Cerioli.

«L'impegno per raccogliere fondi per acquistare un nuovo acceleratore lineare si concretizza in questa camminata – ha esordito il sindaco di Monza che è anche presidente del Comitato promotore della raccolta fondi voluta da Cancro Primo Aiuto – E sarà l'avvia di una due giorni straordinaria che comprende anche l'ultima tappa del Giro d'Italia. Dotare di macchinari sempre più efficienti i nostri ospedali è un dovere. E spero che tanti sabato siano sulla pista dell'Autodromo».

«Più gente ci sarà più faremo bene a tutti – ha sottolineato Ferrari – Infatti, l'unica struttura sanitaria pubblica ad essere dotata di acceleratori lineari in Brianza è l'Ospedale San Gerardo. E fare in modo che abbia un acceleratore lineare tecnologicamente avanzato andrà a beneficio di tutti i pazienti brianzoli che altrimenti saranno costretti a rivolgersi a Milano o a Lecco».
Il direttore generale dell'Asst Monza e Brianza ha annunciato che una squadra del San Gerardo parteciperà all'iniziativa e ha ricordato l'importanza del nuovo macchinario: «Alla nostra radioterapia accedono circa 1.500 pazienti all'anno e non sempre riusciamo a rispondere a tutte le esigenze. Cosa che, invece, ci permetterà di fare la nuova macchina».
La partenza ufficiale della camminata è fissata per le 9,15 con il lancio dei palloncini arancio e blu di Cancro Primo Aiuto; ma si potrà accedere al Parco di Monza per raggiungere la pista dalle ore 7.00 dalla porta di Vedano al Lambro e dalle ore 8.00 dalla porta di Biassono Santa Maria delle Selve. Sono previsti 3 percorsi di 2,4 km circa (pista piccola), 5,6 km circa (un giro in pista grande) e 11,2 km circa (due giri in pista grande). Chi vorrà, potrà fare più giri nei limiti del tempo previsto: la pista, infatti, può essere utilizzata non oltre le ore 12.00.

Per partecipare è prevista un'oblazione di 10.00 euro (partecipazione libera fino a 12 anni) e ogni iscritto avrà diritto a: pettorale; maglietta ufficiale; panino con una bottiglietta d'acqua a fine percorso nell’area di arrivo; un buono caffè e un palloncino per i bambini.
Alle ore 12.15 nell’area ritrovo sanno premiati i primi 3 gruppi più numerosi e assegnati altri premi estratti a sorte tra i partecipanti alla marcia.
Per i bambini sono in programma anche degli eventi collaterali: truccabimbi, sculture di palloncino, laboratorio della creta, laboratorio di pittura “Telo Ricordi”. Ulteriori informazioni si trovano sul sito di Cancro Primo Aiuto: www.cpaonlus.it.