Altro

Rotary per il sociale

Oltre 600 associati impegnati in progetti ogni anno.

Rotary per il sociale
Altro Garda, 23 Maggio 2018 ore 16:08

Rotary per il sociale. Oltre 600 associati impegnati in progetti ogni anno.

Una rosa di progetti

Sostegno alle famiglie e minori in difficoltà, aiuti per la piccola impresa, supporto a giovani con disabilità e interventi a favore di povertà, ambiente e cultura. Questi i principali temi dei 10 progetti di aiuto sociale realizzati sul territorio veronese dai 10 Rotary club di Verona e provincia.

Grandi numeri

Più di 600 rotariani partecipano ogni anno attivamente a iniziative a favore della collettività, attraverso i progetti: ‘Il Rotary per i giovani: stili di vita corretti per vivere meglio’, rivolto agli studenti del quarto anno delle scuole superiori; il ‘Rotary Youth Leadership Awards – RYLA’, seminario formativo per ragazzi dai 14 ai 18 anni; il ‘Comitato inserimento minori in difficoltà – CIM’, attivo a Verona dal 1996, per offrire possibilità lavorative a ragazzi disagiati; il ‘Rotary per il lavoro’, con attività di microcredito a favore delle piccole imprese; i ‘Parchi del sorriso’, iniziativa attiva dal 2006, che a settembre di ogni anno, sul lago di Garda, offre a giovani diversamente abili, provenienti da tutto il Triveneto, quattro giornate di divertimento; distribuzione di ‘700 Borse per la vita’, contenenti generi alimentari di prima necessità per famiglie in difficoltà; il Rotary e l’ambiente con ‘Un albero un socio’, che ha portato alla piantumazione sul territorio cittadino di una pianta per ogni rotariano. Inoltre, sostenuti dai Rotary veronesi anche: un servizio di volontariato alle mense dei poveri del convento dei frati di San Bernardino; la fornitura di un ‘Sistema radio integrato’, composto da un ripetitore e cinque radio portatili, a sostegno dell’attività del corpo Nazionale Soccorso Alpino Speleologico; la realizzazione di eventi culturali per la cittadinanza.

Il volontariato che funziona

“Le attività di aiuto sociale realizzate dai 10 Rotary veronesi – spiega il sindaco Federico Sboarina –, confermano quanto il volontariato sia oggi una realtà fondamentale nei servizi sociali per la cittadinanza in difficoltà. L’impegno della società civile veronese rappresenta un quotidiano supporto al lavoro dell’Amministrazione, che senza di esso non potrebbe garantire tutti i servizi offerti. E’ motivo di orgoglio per me vedere quanti cittadini si rendono disponibili ogni giorno per portare forme diverse di aiuto alle tante problematiche della collettività”.

Distretto 2060

Presenti in conferenza, il Governatore del Distretto 2060 Stefano Campanella, l’assistente del Governatore per la zona di Verona Pietro De Marchi e i presidenti dei Rotary di Verona Aldo Bulgarelli, Verona Est Umberto Tedeschi, Verona International Norberto Cursi, Verona Nord Claudio Gobbin, Verona Sud Michele Sanmicheli Anna Maria Molino, Villafranca Federico Gianello, Verona Soave Claudio Tito Guerra, Verona Scaligero Francesco Sollazzo, Legnago Umberto Parodi, Peschiera del Garda e del Garda Veronese Cristian Pasquetti. Il Distretto 2060, di cui fanno parte i club veronesi, raccoglie i Rotary di Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige/Süd Tirol e Veneto, suddivisi in 89 club con 4.540 soci attivi, di cui 605 associati ai club veronesi.