Teatro Romano, i Momix replicano per altre 6 serate

Lo spettacolo è preceduto, tutte le sere, da un omaggio a Shakespeare: un acrobatico e toccante pas de deux dove Rebecca Rasmussen e Steven Ezra vestono i panni di Giulietta e Romeo

Teatro Romano, i Momix replicano per altre 6 serate
Altro 01 Agosto 2016 ore 19:56

Lo spettacolo è preceduto, tutte le sere, da un omaggio a Shakespeare: un acrobatico e toccante pas de deux dove Rebecca Rasmussen e Steven Ezra vestono i panni di Giulietta e Romeo

La favola e la bellezza dei Momix non ha fine. E dopo una settimana di rappresentazioni (quella di mercoledì 27 annullata per il fortissimo temporale abbattutosi su Verona) che hanno entusiasmato il numeroso pubblico e dopo la serata di riposo di domenica 31, proseguono da oggi lunedì 1 a sabato 6 agosto al Teatro Romano le repliche di Opus Cactus, capolavoro di Moses Pendleton che i Momix ripropongono nella nostra città a distanza di quindici anni dalla prima europea che ebbe luogo proprio a Verona nel 2001.

Lo spettacolo è preceduto, tutte le sere, da un omaggio a Shakespeare: un acrobatico e toccante pas de deux dove Rebecca Rasmussen e Steven Ezra vestono i panni di Giulietta e Romeo. Poi “esplode” il deserto, scandito da ritmi tribali, da rituali col fuoco, da danze iniziatiche, dalle piante che vi crescono e dagli animali che lo popolano.

Moses Pendleton, grazie ai costumi di Phoebe Katzin, trasforma di volta in volta i suoi strepitosi ballerini in strani rettili striscianti, in variopinte specie di flora e fauna, in imponenti cactus e minacciosi uccelli-totem che si innalzano fendendo albe poetiche e inquietanti tramonti di fuoco, svelando i pericoli, ma al contempo la straordinaria sensualità, mista a humour e bellezza, di un mondo celato dietro la propria vastità.

Sul palco, gli effetti di luce creati da Joshua Starbuck, Woody Dick III e dallo stesso direttore artistico Pendleton, mostrano un deserto ora nell’accecante luce del giorno, ora nel blu della notte. I dieci ginnasti-ballerini, cinque uomini e cinque donne, sembrano sfidare le leggi della gravità: volano, saltano, rimbalzano, si librano su alti pali, assumono sembianze di fiori-ventagli, roteano intorno e insieme a una struttura metallica che sembra disarticolarsi per poi ricomporsi.

L’accompagnamento musicale spazia da Bach a Brian Eno (The drop), dai Dead can Dance (The serpent’s egg) a Peter Buffet (Spirit Dance), da danze tribali degli indiani d’America a brani di altre culture “desertiche” come quella degli aborigeni australiani.

 

Info: tel. 045/8066485-8066488. Nelle serate di spettacolo vendita dei biglietti dalle ore 20.00 al Teatro Romano. Apertura dei cancelli alle ore 20.15.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità