Attualità
Caldiero

Affetto da tetraparesi sogna di fare il ricercatore: al via la raccolta fondi per acquistare un triride

La raccolta fondi nasce per poter acquistare un triride, un dispositivo che facilita la mobilità in sicurezza all’esterno dell'abitazione, e una neurotuta che lo aiuti a rilassare i muscoli per potersi muovere con meno fatica.

Affetto da tetraparesi sogna di fare il ricercatore: al via la raccolta fondi per acquistare un triride
Attualità Verona Città, 15 Giugno 2021 ore 12:32

Michele, 29enne che vive a Caldiero si è laureato nel campo scientifico-biologico, vorrebbe diventare un ricercatore bio-informatico. Essendo affetto da tetraparesi vorrebbe migliorare la sua situazione e per farlo ha chiesto l'aiuto di tutti.

Affetto da tetraparesi sogna di fare il ricercatore

Michele Tebaldi ha 29 anni e vive a Caldiero, essendosi laureato nel campo scientifico-biologico, vorrebbe diventare un ricercatore bio-informatico. Su GoFundMe ha lanciato una raccolta fondi per migliorare la sua situazione. Michele Tebaldi ha spiegato:

"Nel mio tempo libero disegno, leggo, scrivo e, quando posso, viaggio. Ho frequentato l'Università di Trento laureandomi con successo per ben tre volte in materie scientifico-biologiche e al momento sto cercando un lavoro; un domani mi piacerebbe diventare un ricercatore bio-informatico. Tutto questo può sembrare semplice da realizzare se sei una persona 'ordinaria' ma per me la situazione è un po' diversa. Sono nato prematuro e con trauma da parto e questo ha un po' complicato la mia vita".

Il 29enne ha approfondito:

"Dopo tre mesi dalla nascita non rispondevo adeguatamente agli stimoli e a seguito di varie ecografie e visite specialistiche mi è stata diagnosticata una malattia celebrale che prende il nome di Tetra Paresi Distonica (TPD). Nel mio caso questa patologia ha influenzato gravemente la mia motricità e la mia possibilità di comunicare con le altre persone: soffro di disartria, e cioè fatico ad articolare la parola, di sordità parziale e di distonia muscolare, quindi manco di normale coordinazione motoria e la mia situazione si sta lentamente aggravando. Nonostante tutto ho sempre cercato di vivere una vita 'normale' come quella di un qualsiasi altro ragazzo della mia età, battendomi per aprire nuove porte e opportunità per le persone come me, perché credo nei miei sogni e non mollo mai. Adesso però ho bisogno del tuo aiuto".

La raccolta fondi

La raccolta fondi nasce proprio dal desiderio di Michele di riuscire a migliorare la sua situazione attuale:

"Ho voglia di migliorare la mia situazione attuale ed avere una vita più sostenibile, sana ed attiva da un punto di vista fisico, personale e sociale. Sono qui a chiedere il tuo contributo per potermi permettere di acquistare un Triride, per muovermi in sicurezza all’esterno della mia abitazione e anche una Neurotuta, che allevi il mio stato ipertonico dovuto alla condizione patologica che mi affligge (aiutandomi quindi a rilassare i muscoli e consentendomi di muovermi con meno fatica)".

Se la raccolta fondi avrà successo, il 29enne vorrebbe riuscire a realizzare un altro sogno:

"Abbattere le barriere architettoniche presenti nella mia abitazione attraverso dei lavori di ristrutturazione. Tutto questo comporta dei costi elevati che al momento io e la mia famiglia non possiamo permetterci di sostenere, per questo ho deciso di impegnarmi in una campagna di raccolta fondi. Basta un tuo piccolo contributo per fare una grande differenza nella mia vita".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter