Attualità
Verona

Al via la 18esima edizione della Festa del Marrone di San Zeno DOP e la festa delle castagne

La manifestazione rappresenta una vetrina perché il marrone di San Zeno attira tante persone sul nostro territorio anche per godersi una bella giornata all’aria aperta e un ottimo menù con le castagne.

Al via la 18esima edizione della Festa del Marrone di San Zeno DOP e la festa delle castagne
Attualità Verona Città, 22 Ottobre 2021 ore 15:11

Si svolgeranno a San Zeno di Montagna durante i fine settimana del 23/24, il 30/31 ottobre e 1/6/7 novembre 2021 la 18esima edizione della Festa del Marrone di San Zeno DOP e la 49esima edizione della Festa delle castagne - Mostra Mercato dei Marrone.

Al via la 18esima edizione della Festa del Marrone di San Zeno DOP

La manifestazione è stata presentata oggi, venerdì 22 ottobre 2021 al Mercato Coperto di Campagna Amica Verona dal presidente del Consorzio di Tutela del Marrone di San Zeno DOP Simone Campagnari, dal sindaco di San Zeno di Montagna Maurizio Castellani, dalla vicepresidente di Coldiretti Verona Franca Castellani. Presenti anche Silvia Marcazzan, componente di giunta di Coldiretti Verona con delega alla montagna; il consigliere del Comune di San Zeno di Montagna con delega alla manifestazione Carlo Gambino; Paolo Bissoli e Alessandro Torluccio rispettivamente presidente e direttore di Confesercenti.

“Questa festa è importante per tutti: castanicoltori e cittadini e soprattutto per tornare a stare insieme. Come Amministrazione di San Zeno di Montagna abbiamo voluto organizzare la manifestazione, anche se in modo diverso per le limitazioni poste dal Covid”, ha detto il sindaco Maurizio Castellani.

“Con questa iniziativa – ha sottolineato Simone Campagnari – possiamo promuovere il nostro prodotto che oltre a essere DOP è biologico e a venderlo nella piazza principale di San Zeno. La montagna sa produrre qualità ed eccellenze in un ambiente naturale con prati, pascoli e castagneti. La manifestazione rappresenta una vetrina perché il marrone di San Zeno attira tante persone sul nostro territorio anche per godersi una bella giornata all’aria aperta e un ottimo menu con le castagne”.

Carlo Gambino ha precisato: “Quest’anno per la prima volta abbiamo stravolto la festa per le normative vigenti e per non creare assembramenti ma in poco tempo siamo riusciti a organizzarla”. L’iniziativa del resto, ha aggiunto Gambino, non celebra solo un prodotto come il marrone ma coinvolge tutto il paese e le associazioni.

Il Marrone di San Zeno DOP è prodotto in un’area che comprende parte dei Comuni di Brentino Belluno, Brenzone, Caprino Veronese, Costermano, Ferrara di Monte Baldo e San Zeno di Montagna, in provincia di Verona. Nella comunità montana del Monte Baldo la castanicoltura ha rappresentato nei secoli passati una risorsa economica importante con i primi riferimenti storici sulla coltivazione del castagno che risalgono al Medioevo. E’ a partire dagli anni Venti del secolo scorso che la coltura e la cultura del castano ha intrapreso la via di una produzione più razionale e attenta, che ha portato ad una produzione media annua che varia dai 200 ai 400 quintali a seconda dell’andamento dell’annata.

Da disciplinare di produzione, i castagneti del Marrone di San Zeno DOP devono essere localizzati tra i 250 e i 900 metri s.l.m., mentre la raccolta può essere effettuata a mano o con mezzi meccanici idonei, tali da salvaguardare l’integrità sia della pianta che dei frutti.

Franca Castellani ha evidenziato il significato di questa iniziativa che rappresenta una “forma di ripartenza per le persone e le attività commerciali, dato il difficile periodo della pandemia”. “Abbiamo già presentato diverse manifestazioni al Mercato Coperto – ha detto – che si trova in centro città, luogo delle eccellenze agroalimentari veronesi ma anche a disposizione dei cittadini per iniziative che fanno conoscere il territorio scaligero ricco di tradizioni, prodotti unici ed eccellenti come il Marrone di San Zeno che ha ottenuto la denominazione di origine protetta nel 2003”. È bella vedere la voglia di ripartenza – ha aggiunto Silvia Marcazzan - che non è scontata e anche la sinergia con altre organizzazioni perché la montagna deve essere valorizzata soprattutto facendo squadra”.

Numerose le iniziative in programma. La manifestazione si svolgerà̀ all’aperto rispettando le misure per la prevenzione del COVID-19.

Programma

In tutti i giorni della festa, alle 11.00 in Piazza Schena ci sarà l’apertura del villaggio dei sapori con vendita del Marrone di San Zeno DOP e Birra Castanea. Si potranno degustare piatti tipici. Alle 19.00 chiusura chioschi. Nei ristoranti del paese si potranno assaggiare piatti a base di castagne.

  • Alle 14.30 avrà inizio la 23° Scarpinà fra le Castagne, marcia non competitiva con percorsi di 5 e 10 Km omologata dall’Unione Marciatori Veronesi. La camminata è organizzata dall’associazione Pro Loco in collaborazione con Alpini, Avis, Gruppo Giovani, Sci Nordico e Protezione Civile.
  • Dalle 16.00 alle 18.00 ci sarà musica con gli zampognari.
  • Domenica 24 ottobre
  • Dalle 16.00 alle 18.00 Musica con Marc&Paul.

Giovedì 28 ottobre

Dalle 16.00 all’Hotel Laguna si terrà il concorso “Marron d’Oro” riservato ai Produttori del Consorzio di Tutela del Marrone di San Zeno DOP.

Sabato 30 ottobre

Dalle 16.00 alle 18.00 Musica con Elia Truschelli.

Domenica 31 ottobre

Alle 11.30 in Piazza Schena ci sarà il saluto delle Autorità e premiazione del concorso Marron d’Oro. Dalle 16.00 alle 18.00 Musica con Marc&Paul.

Venerdì 5 novembre

Alle 17.00 all’Hotel Laguna si terrà il convegno “La montagna e i territori rurali nel Piano Nazionale di ripresa e resilienza. Le sfide del turismo sostenibile”.

Alle 20.00 al Palazzo Cà Montagna, è organizzata la cena di degustazione a base di castagne in collaborazione con il ristorante Al Calmiere.

Info e prenotazioni Ufficio Turistico 045 6289296 entro il 27 ottobre. Quota di partecipazione 60 euro.

Sabato 6 novembre

Alle 15.00, sfilata del Carnevale di Verona con il Papà del Gnocco e il Re della Stordela. Dalle 16.00 alle 18.00 Musica con Paul Padula.

Domenica 7 novembre

Dalle 16.00 alle 18.00 si terrà l’esibizione con gli zampognari; alle 18.30 spettacolo pirotecnico.