Attualità
Taglio del nastro

Aperta con due mesi di anticipo la Sp 21 a Ronco all’Adige

Un intervento, quello appena concluso, indispensabile per incrementare la sicurezza degli utenti in transito.

Aperta con due mesi di anticipo la Sp 21 a Ronco all’Adige
Attualità Legnago e bassa, 02 Dicembre 2021 ore 15:46

E' stato riaperto oggi, giovedì 2 dicembre, il tratto della Sp 21 “di Villafontana”, in località Olmo, tra Oppeano e Tombazosana nel territorio di Ronco all’Adige.

Aperta con due mesi di anticipo la Sp 21

Gli interventi sulla strada, chiusa in aprile per consentire l’allargamento della carreggiata in un tratto lungo circa 1,5 chilometri, sono terminati con due mesi di anticipo rispetto al cronoprogramma che prevedeva la fine lavori entro 300 giorni, ovvero il 30 gennaio 2022.

Alla riapertura sono intervenuti il Presidente della Provincia, il sindaco di Oppeano, il vicesindaco di Ronco all’Adige, i rappresentanti della ditta appaltatrice e delle forze dell’ordine.
L’ordinanza, che revoca il precedente provvedimento di sospensione al traffico e che è valida a partire da mezzogiorno, segue i sopralluoghi di venerdì scorso del direttore dei lavori e del responsabile collaudatore, il cui esito positivo è stato confermato all’inizio di questa settimana.

Gli interventi, in un tratto attraversato spesso da mezzi pesanti e dove in passato si sono verificati alcuni incidenti, hanno previsto l’allargamento della carreggiata di due metri, da 5,50 a 7,50, e lo spostamento del fosso irriguo lungo la provinciale. Durante il cantiere Acque Veronesi ha rimosso e smaltito una vetusta condotta in amianto, sostituita con una in ghisa. L’operazione ha riguardato 1.500 metri di acquedotto, per un importo di 320 mila euro. Sono state inoltre interrate le linee aeree di telecomunicazione.

Gli ultimi lavori hanno riguardato, la settimana scorsa, la posa di nuovi guard rail dall'innesto della strada provinciale 45/a al ponte della Calcinarola. L’intero ammontare delle opere ha rispettato la spesa prevista, pari a 1,8 milioni di euro (condotta esclusa) a carico della Provincia.

Diversi episodi di transito non autorizzato da parte di mezzi privati durante le fasi del cantiere, hanno portato la Provincia in giugno a installare, per motivi di sicurezza, barriere new jersey, rimosse oggi.

“La Sp 21 rappresenta un’arteria di comunicazione importante per diversi comuni della pianura, motivo per cui abbiamo lavorato giorno dopo giorno per accorciare il più possibile i tempi di sospensione della circolazione – ha ricordato il presidente della Provincia Manuel Scalzotto-. La riapertura della provinciale, due mesi in anticipo rispetto a quanto preventivato, è un risultato eccellente, ottenuto grazie all’impegno della ditta e degli uffici della Provincia. Un intervento, quello appena concluso, indispensabile per incrementare la sicurezza degli utenti in transito in questo tratto”.

Il coordinamento e il dialogo tra enti del territorio hanno fatto sì che, con un unico cantiere, siano state eseguite due opere importanti, una viabilistica da parte della Provincia e una nostra sull’acquedotto, ottimizzando così i costi e le attività di scavo e ripristino – ha fatto sapere da Acque Veronesi il Direttore generale, Silvio Peroni –. Abbiamo attuato un intervento significativo e delicato, che ha permesso la posa di una condotta in ghisa, con rimozione e smaltimento di un tubo in amianto ormai giunto al termine della sua vita utile”.

Seguici sui nostri canali