Attualità
Supporto

Aperto a Verona il “Centro operativo aiuti per l’Ucraina”: ecco come dare il proprio contributo

Vengono raccolti, seguendo le richieste mirate dei beneficiari, i beni di prima necessità.

Aperto a Verona il “Centro operativo aiuti per l’Ucraina”: ecco come dare il proprio contributo
Attualità Verona Città, 28 Febbraio 2022 ore 15:00

E’ una corsa contro il tempo per riuscire ad aiutare l’Ucraina, a Verona è stato aperto il “Centro operativo aiuti per l’Ucraina”.

Aperto a Verona il “Centro operativo aiuti per l’Ucraina”

Malve di Ucraina”, l’associazione delle donne ucraine di Verona, con sede presso la "Casa di Ramia", è il punto di riferimento per le attività sociali, culturali e religiose della diaspora ucraina di Verona, a difesa dell'indipendenza e della pace in Ucraina. La coordinatrice dell’associazione Marina Sorina, si è attivata per poter dirigere le numerose offerte di aiuto e supporto per l’Ucraina. Da oggi, lunedì 28 febbraio 2022 è attivo il “Centro operativo aiuti per l’Ucraina” e Sorina ha spiegato:

“Stiamo organizzando e coordinando in tutta l'Italia la raccolta di aiuti per la popolazione ucraina, in primo luogo per i bambini e le famiglie, per gli ospedali che hanno bisogno ora più che mai di aiuti e del nostro sostegno. Dobbiamo agire immediatamente noi, donne e uomini della diaspora con comprovata esperienza nella logistica, protezione civile, pronto soccorso, Per aiutare concretamente, rivolgetevi al Centro operativo aiuti, l'organizzazione ufficiale delle varie associazioni della diaspora ucraina, che agisce in collaborazione con le più importanti enti del settore, su incarico dell'Ambasciata”.

LEGGI ANCHE:

A Verona sono arrivati i primi profughi dall'Ucraina, proseguono le manifestazioni contro la guerra

Come poter contribuire

Per coloro che vogliono dedicare il proprio tempo come volontari, o proporre contatti con i donatori, è possibile scrivere le proprie proposte all’indirizzo mail comunitaverona@gmail.com. Vengono raccolti, seguendo le richieste mirate dei beneficiari, i beni di prima necessità:

  • vestiti pesanti,
  • sacchi a pelo,
  • coperte,
  • generatori,
  • estintori,
  • alimentari di lunga conservazione,
  • prodotti per l'igiene personale,
  • farmaci e materiale per il primo soccorso.

E’ stato allestito un centro di raccolta per le piccole offerte ai negozi Mix Market, in particolare a Verona: piazza Cittadella, Via Adigetto 51 e Corso Milano 105 e altri ancora in provincia. Sorina ha concluso:

“Se ci saranno delle aziende pronte a donare, come già avevano fatto nel periodo 2014-2018, saremo disponibili a collaborare. È gradito ogni dono, ogni offerta, piccola o grande, ma fatta con il cuore aperto. Vi preghiamo di non improvvisare ed affidarsi ai professionisti del settore logistica e
trasporti. In un periodo cosi difficile è essenziale unire i nostri sforzi e osservare le regole, che nei tempi di guerra sono particolarmente severe. Pertanto i carichi devono essere documentati, certificati e rintracciati durante tutto il percorso. A fare la documentazione deve essere una persona giuridica, e le eventuali irregolarità possono non solo rallentare la consegna, ma compromettere la fiducia dei donatori. Per questo stiamo organizzando a Verona un centro logistico per la raccolta dei carichi umanitari da tutta l'Italia e la loro spedizione verso l'Ucraina gestito dai volontari competenti nel settore”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter