Menu
Cerca
Legnago

Attivata la nuova sala angiografica all’ospedale Mater Salutis

La nuova sala permette di concentrare in un unico spazio le specialità interventistiche, creando un ambiente unitario aperto alla multidisciplinarietà.

Attivata la nuova sala angiografica all’ospedale Mater Salutis
Attualità Legnago e bassa, 26 Maggio 2021 ore 15:39

E' stata attivata oggi, mercoledì 26 maggio 2021, alla presenza del direttore generale dell’Azienda Ulss 9 Scaligera, Pietro Girardi, del direttore sanitario, Denise Signorelli, dell’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Legnago, Orietta Bertolaso, e del Presidente del Comitato dei Sindaci del Distretto 3, Flavio Pasini, la nuova Sala Angiografica dell’Unità Operativa Complessa di Radiologia dell’Ospedale Mater Salutis di Legnago, diretta dal dr. Giulio Cesaro.

Attivata la nuova sala angiografica

Si tratta di un ambiente ibrido, che unisce e integra l’attività diagnostica e quella strettamente chirurgica e interventistica, funzionale per l’effettuazione di interventi mini-invasivi vascolari ed extra-vascolari, il tutto all’insegna di una tecnologia altamente sofisticata.

La nuova sala permette di concentrare in un unico spazio le specialità interventistiche, creando un ambiente unitario aperto alla multidisciplinarietà: Chirurgia Vascolare, Urologia, Endoscopia digestiva, Nefrologia-Emodialisi, Ortopedia, Diagnostica per Immagini. La nuova sala è un punto di eccellenza del Servizio di Radiologia, in quanto è dotata di un potente sistema diagnostico radiologico digitale di ultima generazione in grado di acquisire anche immagini tomografiche tridimensionali che consentono al medico di “navigare” nei vasi sanguigni e di eseguire in tutti i distretti corporei procedure terapeutiche rapide e precise, riducendo al minimo le dosi di radiazioni. L’attività è seguita due medici radiologi, insieme a tecnici sanitari di radiologia medica, personale infermieristico e altri operatori funzionali ai vari percorsi diagnostico-terapeutici.

Soddisfatte tutte le richieste

La spesa per l’acquisto dell’angiografo radiologico e relativi accessori dalla Siemens Healthcare srl di Milano, aggiudicataria della convenzione regionale, e per la sua installazione è pari a circa 630mila euro iva compresa, finanziata con budget CRITE 2019, oltre a circa 300mila euro a carico del bilancio aziendale per il servizio di assistenza e manutenzione per i prossimi 6 anni.

Anche nel 2020, nonostante la pandemia Covid-19, il Servizio di Radiologia del Mater Salutis ha soddisfatto tutte le richieste pervenute con interventi di radiografia ed ecoguidati. Altro settore importante di elevata qualità è la presenza di diagnostica interventistica a tomografia computerizzata, già utilizzata in campo diagnostico-oncologico da molti anni, soprattutto in ambito polmonare.

Proprio in questi giorni è stata attivata un’ulteriore nuova sala radiologica con apparecchiatura radiologica telecomandata multifunzionale, utilizzata per la Radiologia tradizionale con modalità morfologiche statiche, e funzionale soprattutto nella diagnostica urologica e gastroenterologica.

13 foto Sfoglia la gallery