Attualità
Lo stop

Casa di riposo a ridosso del cimitero tedesco di Costermano: progetto "affossato"

Il progetto prevedeva la realizzazione del centro a meno di 50 metri dalle salme...

Casa di riposo a ridosso del cimitero tedesco di Costermano: progetto "affossato"
Attualità Garda, 11 Gennaio 2023 ore 11:19

Niente da fare: la Casa di riposo non potrà essere edificata lì, a due passi dal cimitero tedesco delle Grandi guerre...

Casa di riposo a ridosso del cimitero tedesco di Costermano: progetto "affossato"

La Casa di riposo non si farà. Non lì, a quella distanza, o meglio, a ridosso del cimitero tedesco di Costermano. La decisione è figlia di quell'accordo in vigore tra Italia e Germania per la tutela dei morti delle Grandi guerre del secolo scorso. La sentenza del Tar del Veneto, che è stata pubblicata ieri, è molto chiara: annullato l'intervento urbanistico promosso dal Comune di Costermano per la realizzazione di una casa di riposo proprio a due passi dal cimitero tedesco che accoglie le spoglie di circa 20mila caduti.

Contro tale progetto deliberato dal Consiglio comunale del 9 marzo 2022, si è mossa la commissione tedesta per le tombe di guerra, insieme al Consiglio dei ministri e ai ministeri italiani della Difesa, Affari esteri e Cooperazione internazionale. Il cimitero tedesco è gestito dalla commissione per conto del Governo tedesco, in base a un accordo, appunto, internazionale tra il nostro Paese e la Germania, siglato nel 1955 a Bonn. E ancora in vigore.

In base a questo accordo, dunque, la delibera del Consiglio comunale è stata annullata. Nello specifico è stata dunque annullata l'approvazione della variante al piano degli interventi che autorizzava la costruzione della casa di riposo a una distanza inferiore ai 50 metri dal cimitero. Ben al di sotto della soglia dei 200 metri, la fascia di rispetto che regola i vincoli di inedificabilità per motivi igienico sanitari, e che permette l'eventuale aumento del perimetro cimiteriale, oltre a stabilire limiti per il rispetto della sacralità del luogo.

Photo credit

Seguici sui nostri canali