Attualità
San Giovanni Lupatoto

Donata una doccia idro-molecolare per persone prive di mobilità alla fondazione Pia Opera Ciccarelli

Un approccio metodologico innovativo ed efficace che troverà applicazione nel servizio di assistenza domiciliare.

Donata una doccia idro-molecolare per persone prive di mobilità alla fondazione Pia Opera Ciccarelli
Attualità Verona Città, 08 Settembre 2021 ore 17:56

Fin dall’inizio dell’emergenza Covid-19 l’assistenza agli anziani nelle strutture residenziali e sul territorio si è rivelato uno dei fronti più delicati per le condizioni di cronica fragilità e vulnerabilità.

Donata una doccia idro-molecolare per persone prive di mobilità

Per questo motivo, assume particolare rilievo la nuova opportunità messa in campo grazie alla donazione di Linaus Srl, società veronese specializzata nella progettazione e produzione di soluzioni innovative per l’igiene di persone prive di mobilità spontanea o allettate.

Il dispositivo sanitario consente di realizzare una doccia direttamente a letto con meno di 500 ml di acqua, durante la quale non si generano dispersioni e ristagni di liquido sulla superficie del materasso. Lo spruzzo d’acqua erogato dal dispositivo è localizzato e permette all’operatore di concentrarsi su aree corporee definite, evitando di interferire con lesioni o medicazioni presenti.

“Linaus Srl ha scelto di donare alla Fondazione Pia Opera Ciccarelli un dispositivo sanitario della gamma SYREN® in ragione della specifica qualità organizzativa della struttura e della mission che la contraddistingue, orientata al miglioramento continuo e all’innovazione delle prassi assistenziali” sottolineano Alberto Kinzer e Nicola Faccioni, rispettivamente di Linaus Srl e ABM Italia Healthcare Srl, azienda partner specializzata nella fornitura di materassi antidecubito e soluzioni per agevolare la gestione dei pazienti allettati.

“Le difficoltà dovute alla pandemia stanno proseguendo da ormai più di anno, imponendo nuove priorità e una riorganizzazione delle modalità di assistenza in struttura e sul territorio – afferma mons. Cristiano Falchetto, presidente della Fondazione Pia Opera Ciccarelli Onlus –. Questo gesto di solidarietà ci consente di facilitare e supportare concretamente il personale socio-sanitario affinché possa operare in modo efficace e sicuro anche sul territorio, mantenendo sempre viva e concreta l’attenzione ai bisogni della persona e, sulla base di questi, migliorare sempre di più i nostri servizi assistenziali”.

Lo strumento troverà applicazione nel servizio domiciliare rivolto alle persone che si trovano in condizione di parziale o totale non autosufficienza, non più in grado di gestire la propria vita familiare senza aiuto esterno. Il servizio della Fondazione Pia Opera Ciccarelli Onlus è attivo a Verona e in provincia con più di 320 utenti e 50.000 ore annue di assistenza erogate. Da novembre 2020, in relazione alla seconda ondata epidemiologica da Covid-19, è stato avviato un progetto di assistenza domiciliare, in collaborazione con i comuni di San Giovanni Lupatoto e Verona, per sostenere i cittadini positivi in difficoltà a causa dell’emergenza, privi di una rete familiare o che improvvisamente si sono ritrovati da soli per la positività di altri congiunti.