Attualità
Dati in provincia

Infortuni sul lavoro, a settembre Verona prima in Veneto per eventi mortali

Un infortunio mortale su tre avviene “in itinere” cioè sul percorso casa-lavoro.

Infortuni sul lavoro, a settembre Verona prima in Veneto per eventi mortali
Attualità Verona Città, 10 Ottobre 2022 ore 11:59

Con 15 denunce di infortunio mortale dall’inizio dell’anno fino al 31 agosto 2022, la provincia di Verona continua a guidare la triste e inaccettabile classifica delle morti sul lavoro nell’ambito della regione Veneto che nel complesso somma 65 denunce di infortunio mortale.

A settembre Verona prima in Veneto per incidenti mortali sul lavoro

E’ quanto emerge dagli open data Inail relativi ai primi otto mesi dell’anno.
Numeri, certo, da trattare sempre con molta prudenza, in quanto soggetti a verifiche e a variazioni, anche repentine ed occasionali, tuttavia il fatto che ormai da tempo il nostro territorio sia teatro di quasi un quarto (il 23%) delle denunce di infortuni mortale di tutta la regione dovrebbe rappresentare quanto meno un elemento di riflessione.

Attività manifatturiere (industriali ed artigianali), costruzioni e servizi alle imprese si confermano gli ambiti più a rischio con un apporto ormai azzerato dei decessi per Covid tra i sanitari. L’81% degli infortuni mortali registrato in Veneto ha riguardato lavoratori con cittadinanza italiana. L’86% era di sesso maschile. In 19 casi su 65 avevano meno di 40 anni. Un infortunio mortale su tre avviene “in itinere” cioè sul percorso casa-lavoro.

Per quanto riguarda gli infortuni non mortali la nostra provincia registra 10.782 denunce nei primi otto mesi dell’anno, pari al 18,6% del totale regionale (57.857), in netto aumento (+20%) in valore assoluto rispetto allo stesso periodo del 2021 quando gli infortuni non mortali denunciati furono 8.966. Raffaello Fasoli, delegato per la Sicurezza della Segreteria confederale della Cgil di Verona ha affermato:

"Sempre elevata la dinamica della componente femminile: +62,9% gli infortuni tra le lavoratrici, che passano da 14.426 denunce dei primi otto mesi del 2021 alle 23.497 dei primi otto mesi del 2022. Mentre meno marcata risulta la crescita tra gli uomini: da 29.385 denunce nei primi otto mesi del 2021 (sempre a livello regionale) a 34.360 denunce per i primi otto mesi del 2022, per un +16,9%. Quest’ultimo dato secondo noi va letto in duplice chiave: da una parte la indubitabile costanza delle denunce di infortunio per Covid (secondo l’Inail a livello nazionale nei primi quattro mesi del 2022 le infezioni da Covid-19 denunciate hanno superato quelle dell’intero 2021), ma anche la congiuntura economica che ha riportato molte donne nel marcato del lavoro".

Seguici sui nostri canali