Progetto

"PretenDiamo Legalità", la Questura incontra la primaria di Coriano Veronese

I bambini hanno partecipato con grande interesse ed entusiasmo all’iniziativa e hanno apprezzato la vicinanza e la disponibilità della Polizia di Stato.

"PretenDiamo Legalità", la Questura incontra la primaria di Coriano Veronese
Attualità Legnago e bassa, 05 Maggio 2021 ore 12:01

Si è svolto ieri, martedì 4 maggio 2021 presso la scuola primaria “Cav. Uff. Angelo Ambrosi” di Coriano Veronese l’incontro tra alcuni rappresentanti della Questura di Verona e gli alunni della classe 4^ dell’Istituto che hanno partecipato al progetto “PretenDiamo Legalità”, promosso dalla Polizia di Stato e giunto quest’anno alla quarta edizione.

PretenDiamo Legalità

II progetto, realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, si pone l'obiettivo di promuovere la cultura della legalità, attraverso i temi del rispetto delle regole, del corretto utilizzo della rete internet e dei valori della Costituzione che, insieme all’amicizia, alla libertà e alla solidarietà, rappresentano le basi per la crescita dei cittadini di domani e per la costruzione di una società responsabile.

A seguito di un incontro tenuto lo scorso 31 marzo tra gli alunni ed un funzionario della Questura di Verona, in cui sono stati affrontati i temi del bullismo e del cyberbullismo, ciascun alunno ha contribuito a rielaborare in modo originale la Costituzione italiana, arricchendola delle proprie riflessioni, idee, esperienze personali, consigli e suggerimenti.

Vicinanza e la disponibilità della Polizia di Stato

I bambini hanno partecipato con grande interesse ed entusiasmo all’iniziativa e hanno apprezzato la vicinanza e la disponibilità della Polizia di Stato, sempre pronta ad accogliere le richieste di aiuto di chiunque si trovi a vivere una situazione di difficoltà a causa della sopraffazione di altri.
All’incontro, oltre alle insegnanti Michela Romio e Matelda Crestan, erano presenti anche il Dirigente Scolastico, dott. Bruno Bortolaso, alcuni rappresentati dei genitori e, in rappresentanza del Comune, il dott. Paolo Sartori, assessore con delega alle politiche giovanili, alle politiche agricole e ambientali, agli impianti sportivi e all’innovazione tecnologica.