Struttura

Punto di primo intervento Bovolone torna attivo dal 1 settembre, Mirandola: "Obiettivo raggiunto"

La sospensione delle attività di primo soccorso era dipesa dalla necessità di riorganizzare le risorse per fronteggiare l'emergenza legata al Coronavirus.

Punto di primo intervento Bovolone torna attivo dal 1 settembre, Mirandola: "Obiettivo raggiunto"
Attualità Legnago e bassa, 31 Agosto 2021 ore 17:49

Da mercoledì 1 settembre 2021 torna in attività il Punto di primo intervento dell'ospedale San Biagio in via Vicentini a Bovolone, dopo la chiusura temporanea a causa del Covid-19.

Punto di primo intervento Bovolone torna attivo

L'Ulss 9 Scaligera, tramite il direttore generale Pietro Girardi, ha assicurato che il Punto sarà in funzione tutti i giorni 12 ore su 24, dalle 8 alle 20, grazie alla presenza di medici e infermieri che riprendono servizio presso la struttura dopo aver lavorato presso l'ospedale di Legnago durante l'emergenza sanitaria.

La sospensione delle attività di primo soccorso era dipesa dalla necessità di riorganizzare le risorse per fronteggiare l'emergenza legata al Coronavirus. Ora, dopo lo stop temporaneo, la riapertura è certamente una buona notizia per la sanità territoriale anche se il Punto sarà attivo 12 ore anziché 24 a causa della carenza di personale, con la volontà di tornare a pieno regime una volta superato il difficile momento nella gestione delle risorse sanitarie, provate dai mesi difficili della pandemia.

Non ci si ferma

Il sindaco di Bovolone, Emilietto Mirandola ha affermato:

"Ottenere la riapertura del primo intervento è un risultato importante, raggiunto grazie all'impegno dell'amministrazione comunale e del comitato dei sindaci. Il pronto soccorso non è un reparto come gli altri, ma un presidio indispensabile per il nostro territorio. La riapertura, seppur limitata a 12 ore, è un obiettivo raggiunto anche se non ci fermeremo qui: continueremo a lavorare per tornare alla piena funzionalità pre Covid e poter assicurare ai nostri cittadini un servizio H24 a tutela della salute di tutti".