Attualità
La manifestazione

Sciopero ferrovieri contro le aggressioni, Cgil: "Altissima adesione, problema riguarda tutti"

Effettivamente si parla di sicurezza pubblica...

Sciopero ferrovieri contro le aggressioni, Cgil: "Altissima adesione, problema riguarda tutti"
Attualità Verona Città, 10 Settembre 2022 ore 10:01

Altissima anche a Verona l’adesione allo sciopero nazionale di otto ore indetto ieri, venerdì 9 settembre 2022 dai lavoratori e lavoratrici dei servizi ferroviari per la sicurezza personale contro le aggressioni.

Sciopero ferrovieri contro le aggressioni, Cgil: "Altissima adesione, problema riguarda tutti"

"A testimoniarlo, oltre al presidio tenuto ieri mattina in Stazione Porta Nuova da parte di alcune decine di lavoratori e lavoratrici, anche le tantissime corse cancellate fin dalle prime ore del mattino. Una misura dolorosa ma necessaria per sollecitare l’attenzione delle istituzioni locali che, a partire dalla Regione, finora hanno dato segno di scarsissimo interesse".

La vertenza, va ricordato, è partita da macchinisti, capitreno e personale viaggiante in genere, ma si è rapidamente estesa tra gli addetti alla biglietteria diventati anch’essi bersagli di episodi di violenza la cui frequenza durante l’estate ha raggiunto picchi non più accettabili.

Dai tornelli all’intensificazione di controlli che facciano da filtro agli ingressi delle stazioni ferroviari, le soluzioni non mancano. Come però sottolinea il Segretario Generale Filt Cgil Verona Alessandro Poles:

“Il punto, purtroppo non ancora sufficientemente compreso, è che ci deve essere una assunzione di responsabilità da parte di tutti perché non è un problema soltanto “aziendale” ma anche di sicurezza pubblica che come tale richiede l’intervento delle istituzioni”.

“Il fenomeno è in forte crescita – continua Poles – con un’evidente escalation nelle ultime settimane: un capotreno aggredito a Venezia, due a Padova, un addetto alla biglietteria a Verona, senza contare tutte le aggressioni avvenute nei mesi scorsi e gli episodi che non vengono denunciati. Un'iniziativa di contrasto utile può essere rappresentata da attività specifiche di filtro in ingresso, eseguite a terra non solo dal personale aziendale, ma anche con ausilio delle forze dell’ordine e/o di infrastrutture fisiche dedicate (tornelli).

Non è possibile che nessun capoluogo veneto sia dotato di tali strutture, come invece accade in tutte le principali città italiane. Il problema non riguarda solo i lavoratori, ma sono a rischio anche i viaggiatori. Viaggiare sicuri è un diritto di tutti".

Poles infine aggiunge che la vertenza verrà progressivamente estesa anche ai lavoratori del trasporto pubblico locale (gli autisti dei bus) “la cui condizione sappiamo essere tutt’altro che ottimale”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter