Attualità
Iniziativa

Sicurezza del pedone, al via a Verona la mappatura degli attraversamenti più a rischio

Iniziativa promossa dagli assessori alla Mobilità Tommaso Ferrari e alle Strade Federico Benini per diminuire gli incidenti pedonali.

Sicurezza del pedone, al via a Verona la mappatura degli attraversamenti più a rischio
Attualità Verona Città, 06 Ottobre 2022 ore 08:25

Nei primi mesi del 2022 gli incidenti che hanno coinvolto pedoni nel territorio veronese sono stati 90, due dei quali mortali.

Sicurezza del pedone

Un numero che risulta in linea con l’anno precedente, 87 nel 2021, ma tuttavia troppo alto. Per ciò l’Amministrazione intende sensibilizzare i cittadini per contribuire a far diminuire questo tipo di incidentalità.

Da qui l’avvio di una mappatura dei punti più sensibili del territorio comunale per intervenire su tutte le otto Circoscrizioni con una revisione complessiva degli attraversamenti pedonali. Coinvolti nell’analisi anche gli stalli della sosta prossimi alle zebre sull’asfalto e i cassonetti per la raccolta differenziata dell’Amia, entrambi ipotetici ostacoli per il passaggio in sicurezza dei pedoni.

L’imput arriva dagli assessori alla Mobilità e Traffico Tommaso Ferrari e alle Strade Federico Benini, anche alla luce dei dati forniti a livello nazionale dell'Asaps, Associazione Sostenitori Polizia Stradale, contenuti nel quinto Rapporto annuale sull'incidentalità con il coinvolgimento dei pedoni.

Troppi investimenti di pedoni

Il report riporta che nel 2021 sono avvenuti 17.164 investimenti di pedoni, 47 al giorno, due all'ora, in cui sono morte 471 persone, un dato in aumento del 13% rispetto al 2020, quando furono 409.

“La sicurezza dei pedoni è una tematica fondamentale, perciò intendiamo procedere con una revisione della sicurezza degli attraversamenti pedonali e del posizionamento degli stalli per la sosta – spiega l’assessore Ferrari -. Molti di questi, infatti, sono troppo vicini agli incroci e alle strisce pedonali, inibendo la visibilità e causando spesso scontri tra auto o investimenti di pedoni o ciclisti. Abbiamo già coinvolto le Circoscrizioni per fornirci la mappatura dei punti più critici, quartiere per quartiere”.

Nell’analisi sono coinvolti gli stalli blu, i cassonetti della raccolta differenziata sia tutti gli altri posti auto che necessariamente devono trovare una soluzione al fine di non costituire pericolo per la sicurezza dei pedoni – aggiunge l’assessore Benini-. La sinergia tra i due assessorati ci permette di affrontare il problema in modo esaustivo”.

Seguici sui nostri canali