A San Martino ripartono i «Mercoledì in Biblioteca»

Il primo appuntamento sarà il 26 settembre alle ore 21 con la presentazione del libro «1940-1945 due ragazzi in guerra».

A San Martino ripartono i «Mercoledì in Biblioteca»
Est Veronese, 24 Settembre 2018 ore 16:54

A San Martino ripartono i «Mercoledì in Biblioteca». Il primo appuntamento sarà il 26 settembre alle ore 21 con la presentazione del libro «1940-1945 due ragazzi in guerra».

A San Martino ripartono i «Mercoledì in Biblioteca»

Mercoledì 26 settembre verrà presentato presso la biblioteca Don Lorenzo Milani, in Piazza del Popolo a San Martino Buon Albergo, il libro curato da Anna Solati dal titolo «1940-1945 due ragazzi in guerra». Si tratta del primo appuntamento della rassegna che avrà luogo tutti i mercoledì fino a maggio e che vedrà susseguirsi numerosi autori, ma anche musicisti, storici, poeti e medici.

L’evento

La serata di mercoledì 26 settembre vedrà anche l’intervento di Sergio Spiazzi, che si occuperà di fornire informazioni storiche locali inerenti al secondo conflitto mondiale. Alcuni brani dell’opera che verrà presentata saranno letti da Marco Rocchi, Luca Migliorini e Tommaso Cavaliere. Per quanto riguarda invece le musiche che accompagneranno i vari momenti della serata sono opera di Attilio Scolari.

Di cosa si tratta

Il volume curato da Anna Solati si compone di due opere: la ristampa de «La Bolgia dei Vivi», di Agenore Bertagna, che racconta la sua drammatica esperienza nel lager di Bochum, in Renania; e il «Diario di Russia» di Primillo Bonetti, pubblicato per la prima volta. Al termine della presentazione il libro verrà distribuito ai presenti.

I prossimi appuntamenti del «Mercoledì in Biblioteca»

Mercoledì 3 ottobre sarà invece il turno di Mariangela Capovilla, che presenterà il suo libro «Desideri senza possesso», a cura dell’associazione Fuoricircuito; mentre mercoledì 10 ottobre toccherà a Annibale Albiero presentare il volume «Una vita di corsa».

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità