Cronaca
Nel Padovano

Accoltella alla schiena l’ex convivente: 50enne veronese nel 1999 aveva ucciso l’ex moglie

E’ emerso che da poco più di un mese i due avevano interrotto la loro relazione e quindi anche la relativa convivenza nell’appartamento dell’uomo. Decisione che lui non ha accettato.

Accoltella alla schiena l’ex convivente: 50enne veronese nel 1999 aveva ucciso l’ex moglie
Cronaca Garda, 11 Maggio 2022 ore 09:58

Un tentato omicidio quello che si è consumato nel Padovano nella mattina di martedì 10 maggio 2022.

Accoltella alla schiena l’ex convivente

Intorno a mezzogiorno di martedì 10 maggio 2022, i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Padova sono intervenuti in via Cafasso al civico 2 all’Arcella dove era stato segnalato il ferimento di una persona. Si tratta di una violenta aggressione che è quasi costata la vita a Sandra Pegoraro di 51 anni. La donna è stata trovata dai Carabinieri in una pozza di sangue con una profonda ferita alla schiena, probabilmente causata da una lama.

Subito le sue condizioni sono apparse molto gravi. Immediata la corsa all’ospedale di Padova dove la donna è stata sottoposta a un intervento chirurgico d’urgenza che le ha permesso di salvarsi. La 51enne infatti ora non è in pericolo di vita anche se le sue condizioni di salute rimangono comunque gravi.

Fermato l’ex compagno

A dare l’allarme era stato un vicino di pianerottolo della vittima che, dopo averla soccorsa, ha chiamato i Carabinieri e il 118. Il principale sospettato del tentato omicidio è Stefano Fattorelli, 50enne originario di Caprino Veronese, ex compagno della 51enne nonché pluripregiudicato per omicidio e stalking.

Fattorelli infatti nel 1999 aveva ucciso con 33 coltellate l’ex moglie 50enne fuori dall’ingresso del cimitero di Grezzana, che l’aveva lasciato da poco. L’uomo, dopo aver scontato la pena era uscito di prigione beneficiando di diversi sconti grazie alla buona condotta.

Nel 2011 aveva iniziato una relazione con una donna di 54 anni, quando però la partner aveva deciso di porre fine alla relazione, lui non aveva accettato la sua decisione e aveva iniziato a perseguitarla con messaggi e telefonate. Poi era passato ai pedinamenti e alle minacce di morte.

Dopo la denuncia della donna, l’uomo era stato arrestato e condannato per stalking, era stata emessa inoltre l’ordinanza di custodia cautelare in carcere dati i suoi precedenti.

Indagato per tentato omicidio

L’uomo ora rischia un’accusa di tentato omicidio, i Carabinieri dopo l’interrogatorio devono riuscire a chiarire la dinamica e la circostanza esatta dell’aggressione. E’ emerso che da poco più di un mese Pegoraro e Fattorelli avevano interrotto la loro relazione e quindi anche la relativa convivenza nell’appartamento dell’uomo.

Dopo la fine della relazione non erano mancate le tensioni tra i due e non macano i messaggi "ricchi di veleno" nel profilo social dell'uomo. Sembra che, anche in questo caso, ci si ritrovi davanti a una recidività della violenza contro le donne che il 50enne scatena nei confronti di quelle che decidono di lasciarlo.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter