Polizia di stato

Accoltella il coetaneo e scappa: arrestato 25enne marocchino

Il grave episodio giovedì scorso. Durante la fuga l'aggressore aveva lasciato cadere a terra il coltello a serramanico usato per colpire il rivale.

Accoltella il coetaneo e scappa: arrestato 25enne marocchino
Verona Città, 25 Luglio 2020 ore 14:11

Furiosa lite lo scorso giovedì tra due giovani stranieri, che per poco non è finita in tragedia.

Tragedia sfiorata

È stato grazie all’efficiente attività di controllo del territorio, quotidianamente svolta dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona, che la furiosa lite avvenuta lo scorso giovedì tra due giovani stranieri non è finita in tragedia. Erano circa le 22.00 quando gli operatori di pattuglia in zona Bastioni hanno notato un ragazzo che correva, inseguito da un coetaneo con il volto intriso di sangue. Entrambi si stavano dirigendo in Circonvallazione Oriani, per poi imboccare di corsa Via Città di Nimes, in direzione centro. L’inseguitore, notata la pattuglia della Polizia, si è immediatamente fermato ed ha riferito agli agenti di essere stato, poco prima, accoltellato dal fuggitivo.

Aggressore pluripregiudicato e irregolare

In effetti, il ragazzo – un trentenne di nazionalità libica – si presentava con un vistoso taglio alla tempia e sulla guancia. L’equipaggio non ha esitato a porsi all’inseguimento dell’altro giovane – cittadino marocchino di 25 anni – che è stato rintracciato e bloccato poco lontano, in piazza Renato Simoni, sotto al porticato. Gli accertamenti effettuati in seguito dai poliziotti hanno consentito di appurare che il più giovane dei due, durante la fuga, aveva lasciato cadere a terra il coltello a serramanico con il quale aveva aggredito il trentenne. Quest’ultimo è stato prontamente soccorso dagli operatori sanitari, allertati dagli agenti, e trasportato d’urgenza all’ospedale di Borgo Trento dal quale è stato successivamente dimesso con una prognosi di 15 giorni per le ferite riportate al volto. L’autore del delitto – pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, contro la persona e per porto abusivo di armi, nonché irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato dai poliziotti e accompagnato presso il carcere di Montorio. Il venticinquenne dovrà rispondere davanti all’Autorità Giudiziaria del reato di lesioni gravissime; questo perché la ferita arrecata comporterà lo sfregio permanente del volto della vittima.

Controllo sul territorio: denunciati altri due stranieri

L’arresto dello scorso giovedì, effettuato durante uno dei numerosi servizi predisposti dal Questore di Verona, Dott.ssa Petricca, per garantire la sicurezza nel territorio, si inserisce in un complesso di attività ben più ampio effettuato, nel corso della settimana appena trascorsa, dagli agenti delle Volanti: 661 le persone controllate – delle quali 253 di nazionalità straniera – e 176 i veicoli fermati e sottoposti a verifiche. Diverse anche le denunce all’Autorità Giudiziaria, tra le quali 2 – che risalgono alla giornata di ieri – l’una per tentato furto aggravato di una bicicletta, commesso in concorso da due cittadini stranieri di origine Romena e Bulgara, e l’altra per violazione del divieto di ritorno a Verona disposto dal Questore nei confronti di un cittadino moldavo pregiudicato di 29 anni. I controlli delle numerose persone che, giornalmente, transitano nel nostro territorio hanno condotto, altresì, al rintraccio di due giovani maggiorenni allontanatisi dai rispettivi nuclei familiari.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità