Menu
Cerca
Verona

Assalto al Caffè Oro Bianco, assolti i 35 imputati, Sboarina: "Sono esterrefatto"

Quel giorno la tragedia non si consumò solo perché le vetrine del bar hanno retto.

Assalto al Caffè Oro Bianco, assolti i 35 imputati, Sboarina: "Sono esterrefatto"
Cronaca Verona Città, 06 Maggio 2021 ore 17:34

Trentacinque tifosi napoletani sono finiti a processo per avere assaltato, in occasione della partita Chievo-Napoli il 5 novembre 2017, un bar di corso Cavour frequentato da tifosi dell’Hellas. Ma ora arriva la notizia amara: sono tutti assolti.

Assalto al Caffè Oro Bianco

Lancio di sedie, vandalismi vari, spranghe e bastoni per sfondare la vetrina: una vera e propria spedizione punitiva architettata in ogni dettaglio. Gli ultras erano arrivati a Verona con auto prese a noleggio o con mezzi propri senza mischiarsi troppo con gli altri tifosi arrivati in città per la partita. Ma ora sono stati tutti assolti. L'assessore Andrea Bassi ha affermato:

Erano una trentina quel giorno, in trasferta per assistere alla partita Chievo-Napoli. Erano tifosi napoletani, ma potevano essere di qualsiasi altra città perchè quello che che conta non è la provenienza ma ciò che hanno fatto. Per puro spirito di sfida e di profondo odio, hanno cambiato direzione assaltando un bar, presunto covo dei tifosi Hellas, dove in realtà erano presenti tanti veronesi, che col calcio non c'entravano nulla, insieme ai loro bambini e alle loro famiglie. La tragedia non si consumò solo perché le vetrine del bar hanno retto, ma il terrore nelle menti degli avventori del bar rimane intatto”.

Tutti assolti? "Fa rabbrividire"

L'assessore Bassi ha poi proseguito:

Ora leggere che questi delinquenti sono stati tutti assolti, fa rabbrividire. Da cittadino ma anche e soprattutto da amministratore. Le istituzioni veronesi, gomito a gomito con gli organi di sicurezza pubblica, hanno fatto e fanno ogni santo giorno sforzi immani per il controllo del territorio e isolare i facinorosi. Per un domenica di follia non vale davvero la pena di prendersi un Daspo o peggio rovinarsi la vita. Ma sentenze di questo tipo vanificano anni di sforzi, oltre che il lavoro di mesi dei nostri agenti e della Questura per identificare le persone.
Per non parlare dell'esempio negativo che si dà ai cittadini, salvo poi riempire pagine e servizi televisivi con l'indignazione sulle curve violente e sul dilagare di certi comportamenti”.

Sboarina: "Sono esterrefatto"

Numerose le reazioni di incredulità e il sindaco di Verona, Federico Sboarina: ha scritto sui social:

"Sono esterrefatto, come i tanti veronesi che ricordano quanto accaduto quella domenica pomeriggio. Leggeremo le motivazioni della sentenza, certo è che ci deve essere un responsabile di quell’assalto".

Andrea Croce, responsabile sicurezza del movimento Prima Verona e presidente della commissione sicurezza in Terza Circoscrizione, ha affermato:

"Come responsabile sicurezza del movimento Prima Verona di cui Michele Croce, ex Presidente di Agsm è il leader, in veste di Presidente della Commissione Sicurezza in Terza Circoscrizione e come commerciante, mi permetto di dire che sono allibito per la sentenza emessa dal Giudice che vede assolti tutti i tifosi napoletani che il 5 novembre 2017 hanno assaltato il Caffè Oro Bianco in Corso Cavour prima della partita contro il Chievo.
Non è possibile che non ci sia nemmeno un colpevole. E' semplicemente assurdo che nessuno paghi per quello che è successo.
Anch'io sono un commerciante, ho un pub proprio di fronte allo stadio, quindi poteva benissimo succedere anche a me. Sono molto arrabbiato e deluso. Chiediamo giustizia! "