Menu
Cerca
Verona

Assembramenti nel week end, in un bar di Verona trovate 11 persone all’ora del coprifuoco

Il caso più eclatante è stato registrato sabato sera in zona San Giorgio.

Assembramenti nel week end, in un bar di Verona trovate 11 persone all’ora del coprifuoco
Cronaca Verona Città, 08 Marzo 2021 ore 17:31

Fine settimana intenso per gli agenti della Polizia locale. Oltre ai controlli di routine per verificare il rispetto delle misure antiCovid, sono state decine le segnalazioni dei cittadini per denunciare assembramenti o il mancato uso delle mascherine in piazze, giardini e strade. Soprattutto sabato pomeriggio, al Comando sono arrivate telefonate da tutti i quartieri. Da via Velino in Zai, a vicolo cieco dietro San Francesco a Veronetta, da via Gerardo a Ca’ di David, a lungadige Porta Vittoria.

Identificati 11 soggetti

Il caso più eclatante è stato registrato sabato sera in zona San Giorgio. Al centralino della Polizia locale erano le 20 quando è arrivata la chiamata di alcuni residenti per segnalare musica e frastuono provenienti da un locale. Gli agenti sono immediatamente intervenuti sul posto. Da fuori sembrava tutto regolare, il bar era chiuso e le serrande abbassate. La musica spenta. Ma diversi veicoli erano parcheggiati davanti al locale, addirittura intralciando la circolazione.

Gli agenti pertanto sono rimasti sul posto e, pochi minuti prima dello scoccare del coprifuoco, alcune persone hanno iniziato ad uscire dalla porta laterale del locale. In tutto sono stati identificati 11 soggetti, 3 dei quali nascosti nella zona deposito, oltre al titolare dell’attività. Sanzionati tutti, per il bar scatteranno 5 giorni di chiusura non appena i locali potranno riaprire.

Attività commerciali multate

Nell’ultima settimana sono state 7 le attività commerciali multate, tra le quali anche un ristorante del centro che, dopo le 21.30, stava servendo la cena ad alcuni clienti seduti al tavolo. Dall’inizio dell’anno la Polizia locale ha effettuato ben 323 interventi anti Covid, impiegando 677 equipaggi per verificare le centinaia di segnalazioni dei cittadini. In poco più di due mesi, sono stati 113 i verbali redatti di cui 21 a carico di locali ed esercizi commerciali per il mancato rispetto delle misure anti contagio.

Quadrilatero dietro la Gran Guardia

All’attenzione degli agenti anche la zona racchiusa tra piazza Cittadella, piazza Pradaval, Interrato Torre Pentagona e via dei Mutilati. Un quadrilatero continuamente sorvegliato da pattuglie fisse durante il giorno e in forma dinamica nelle ore serali e notturne.

La presenza di soggetti stranieri sia extracomunitari che comunitari dediti all’accattonaggio e al bivacco accrescono la percezione di insicurezza. Sono infatti persone che rifiutano qualsiasi tipo di aiuto anche dai Servizi sociali comunali. L’anno scorso nell’area del quadrilatero sono state 14 le persone denunciate per vari reati, compresa la resistenza a pubblico ufficiale, il rifiuto di fornire documenti, il furto aggravato.

Sono state identificate 357 persone, con 78 sanzioni amministrative di cui 31 per violazioni alle misure anti Covid e 29 ordini di allontanamento che hanno prodotto 4 Daspo urbani emessi dalla Questura. Provvedimenti però che possono essere presi solamente se sussiste una pericolosità sociale dell’individuo che non ha ottemperato all’ordine di allontanamento.

In diretta streaming, il sindaco Federico Sboarina, l’assessore alla Sicurezza Marco Padovani e il comandante della Polizia locale Luigi Altamura hanno dato gli ultimi aggiornamenti in materia di sicurezza. Soprattutto alla luce dell’ingresso, da oggi, in zona arancione e dell’aumento dei contagi anche a Verona. Il primo cittadino ha affermato:

“I nostri agenti stanno facendo uno sforzo davvero incredibile per rispondere a tutte le segnalazioni dei veronesi, un grande lavoro per tutelare la salute pubblica e il rispetto delle norme. Questo weekend è stata una vera e propria prova di forza. Se tutti fossimo più rispettosi non servirebbe, invece così, per colpa di pochi, rischiano di rimetterci in tanti. Non solo gli esercenti che si comportano correttamente, o le persone che si attengono alle misure e restrizioni, ma anche i nostri agenti che devono intervenire da una parte all’altra della città per colpa di chi crede di poter eludere le regole. A danno di tutti. Il caso di San Giorgio è veramente esemplare di come ci siano persone che pensano di essere esenti e di fare quello che vogliono. Ma in un contesto di emergenza sanitaria come questo non può accadere. Da oggi siamo in zona arancione, scattano ulteriori restrizioni perché i contagi sono in aumento anche a Verona. La nostra città è attenzionata, a dicembre i decessi sono aumentati del 124 per cento rispetto alla media dei 5 anni precedenti. Ci sono dei comportamenti davvero irrispettosi e inqualificabili. Nessuno è contento delle restrizioni ma oggi sono quelle che ci salvano. Ecco perché ho firmato anche le ordinanze per il distanziamento quando si fuma e il divieto di bere fuori dai plateatici. Tutto deve andare nella direzione di limitare i contagi e superare alla svelta questo difficile momento. Sono le uniche armi che abbiamo, oltre alla prosecuzione dei vaccini”.

Fine settimana impegnativo

Padovani ha aggiunto:

“I controlli non si sono mai fermati, i nostri agenti hanno svolto, e continueranno a farlo, un lavoro davvero encomiabile. La Polizia locale è costantemente impegnata nella zona del quadrilatero, in maniera sia fissa che dinamica. Porteremo all’attenzione del Comitato provinciale per l’ordine la sicurezza pubblica tutti i casi perché anche le altre Forze dell’Ordine possano supportarci. L’azione di contrasto al degrado deve essere congiunta”.

Altamura ha concluso:

“E’ stato un fine settimana impegnativo, con decine e decine di assembramenti segnalati. Durante i controlli spesso scatta l’insofferenza delle persone, anche se gli agenti cercano sempre il dialogo prima di arrivare alla sanzione. Tutti soffrono della situazione attuale, ma ora più che mai c’è bisogno della collaborazione dei cittadini e del rispetto delle norme. L’altro tema preoccupante è quello della presenza in centro di tanti minorenni che spesso si portano l’alcol da casa. All’Arsenale così come in altre zone l’attenzione resta alta e il monitoraggi continuo. La stessa cosa vale per il contrasto al degrado. Purtroppo gli strumenti normativi sono limitati, anche il Daspo può essere emesso solo se vi è pericolosità sociale. L’accattone o chi bivacca non può essere daspato, al massimo allontanato, spostando il problema da un quartiere all’altro”.