Cronaca
Verona

Atv, quinto autobus che va a fuoco, Filt Cgil: “Ora basta, la misura è colma!”

Solo quest’anno sono andati a fuoco ben 5 mezzi Atv

Atv, quinto autobus che va a fuoco, Filt Cgil: “Ora basta, la misura è colma!”
Cronaca Verona Città, 07 Dicembre 2021 ore 17:23

Il segretario generale Filt Cgil Verona punta l'attenzione sui numerosi mezzi Atv andati a fuoco in un anno.

Atv, quinto autobus che va a fuoco

Solo quest’anno sono andati a fuoco ben 5 mezzi Atv. Tra i più grandi incendi, oltre a quello di oggi a Cadidavid, ricordiamo il pollicino sulle Torricelle lo scorso agosto, l’autobus che ha preso fuoco in marcia a Vestenava lo scorso ottobre e il rogo di aprile in Borgo Venezia. Raffaello Fasoli, segretario generale Filt Cgil Verona spiega:

"I mezzi coinvolti sono tre a metano e due a gasolio, il che porta ad escludere un problema con un modello specifico. In tutti i casi l’incendio è scaturito da un gusto al motore o da un corto circuito, segno che esiste una gravissima carenza di manutenzione".

LEGGI ANCHE:

Autobus in fiamme a Ca' di David: traffico bloccato

Fasoli ha aggiunto:

"Il personale addetto a questa funzione è troppo poco e ciò compromette, come abbiamo potuto drammaticamente constatare, la sicurezza dei lavoratori e dei passeggeri. Ci chiediamo con quale coscienza l’azienda continui a far circolare mezzi in queste condizioni. Vogliono aspettare la tragedia irreparabile per intervenire?".

LEGGI ANCHE:

L'autobus si ferma al capolinea e prende fuoco: video e foto del "pollicino" dell'Atv divorato dalle fiamme

Raffaello Fasoli, segretario generale Filt Cgil Verona ha concluso:

"Chiediamo ad Atv di aumentare il personale addetto alle manutenzioni e di intensificare le operazioni su tutti i mezzi, cosa che avrebbe già dovuto fare fin dal primo campanello d’allarme ad aprile. E’ inaccettabile che si giochi al risparmio sulla pelle dei lavoratori e degli utenti. Chiediamo al Comune, in quanto socio dell’azienda, di intervenire e di sostenere le nostre richieste di trasparenza e di adeguamento degli organici. Il lavoratore che sbaglia deve sempre pagare, mentre nessuno dei manager viene chiamato a rispondere dopo il quinto incidente grave? Ma dove viviamo? Se non avremo risposte certe e rapide non escludiamo nessuna forma di protesta".