Menu
Cerca
Persecuzioni

Aveva reso la vita dell’ex compagna e del figlioletto un inferno: arrestato operaio di Bussolengo

Insulti e minacce di morte ripetuti. E così, dopo una prima misure restrittiva, per l'uomo si sono aperte le porte del carcere.

Aveva reso la vita dell’ex compagna e del figlioletto un inferno: arrestato operaio di Bussolengo
Cronaca Garda, 18 Aprile 2021 ore 12:04

Bussolengo: i Carabinieri arrestano un operaio pregiudicato per atti persecutori verso la sua ex compagna.

Aveva reso la vita dell’ex compagna e del figlioletto un inferno

Nella mattina di ieri, sabato 17 aprile 2021, i Carabinieri di Bussolengo hanno tratto in arresto P.G., un quarantasettenne di origine calabrese, residente in quel centro, pregiudicato, in esecuzione di un provvedimento di aggravamento della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla sua ex compagna, cui era già sottoposto.

La misura predetta gli era stata applicata dal Tribunale di Verona nel febbraio scorso in relazione al reato di atti persecutori in danno della vittima, accertati da accurate indagini proprio dai Carabinieri di Bussolengo.

La donna, madre di un bambino di due anni avuto dalla relazione con P.G., qualche mese prima, aveva sporto una denuncia ai Carabinieri di Bussolengo per atti persecutori nei suoi confronti poiché il comportamento minaccioso e aggressivo dell’uomo, manifestato attraverso continue telefonate e messaggi, nonché appostamenti sotto la sua abitazione, l’aveva fatta piombare in uno stato d’ansia e di timore per sé e per suo figlio tali da farla sentire costantemente in pericolo.

La prima misura restrittiva, poi disattesa…

Le immediate indagini svolte dai militari di Bussolengo sulla vicenda, consentivano di raccogliere gli elementi investigativi che acclaravano le responsabilità dell’uomo, tali che il Pubblico Ministero, per quest’ultimo, richiedeva ed otteneva dal G.I.P. di Verona una prima misura cautelare di divieto di avvicinamento alla donna.

Le prescrizioni di tale provvedimento, sebbene rispettate inizialmente, venivano completamente disattese nel momento in cui la donna informava P.G. di una particolare e delicata cura sanitaria alla quale il loro comune figlio doveva essere sottoposto.

Ancora insulti e minacce di morte a tutti

Da quel momento in poi l’uomo le telefonava almeno tre volte alla settimana esternando insulti e minacce di morte verso tutti, anche all’indirizzo del nuovo compagno della donna, al punto che questa si trovava costretta a integrare la sua precedente denuncia ai Carabinieri di Bussolengo dei gravi e ulteriori comportamenti di P.G.. Tenuto conto soprattutto dei suoi trascorsi penali che evidenziano una personalità pericolosa in relazione all’indole dei reati commessi, il G.I.P. del Tribunale di Verona emetteva quindi la misura più afflittiva della custodia cautelare in carcere.

P. G., rintracciato dai Carabinieri di Bussolengo nella mattinata di ieri, è stato condotto presso i loro uffici per la redazione dei relativi atti e successivamente affidato al personale della Casa di reclusione di Verona Montorio, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.