Cronaca

Bambino in overdose, ecco il punto dell'Azienda ospedaliera

La direzione ha sottolineato come fosse stato già disposto il ricollocamento del personale 

Bambino in overdose, ecco il punto dell'Azienda ospedaliera
Cronaca 03 Agosto 2017 ore 17:49

La direzione ha sottolineato come fosse stato già disposto il ricollocamento del personale

L'azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, in merito all'episodio del neonato finito in overdose a causa della morfina somministratagli da un'infermiera (di cui vi abbiamo parlato QUI), ha voluto fornire importanti dettagli:

«Il fatto in oggetto è avvenuto nella notte tra il 19 e il 20 marzo 2017 presso l’Ospedale di Borgo Roma.Il neonato è stato immediatamente ed efficacemente assistito dal personale sanitario presente.  Nei giorni successivi il bambino (residente a Verona) si è mantenuto in condizioni stabili ed è stato dimesso in pieno benessere. La Direzione dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, accertata la potenziale gravità del caso, ha disposto cautelativamente l'immediato ricollocamento del personale infermieristico addetto all'assistenza del bambino in attività non assistenziale in altro reparto. Dopo approfondita indagine interna è stata inoltrata denuncia contro ignoti presso la Procura della Repubblica di Verona che ha provveduto ad avviare gli accertamenti del caso. L'Azienda ospedaliera di Verona ha già avviato apposito procedimento disciplinare e ha mantenuto un canale di comunicazione diretto e continuo con la famiglia del piccolo paziente in relazione allo stato di salute dello stesso».