Carta d'imbarco, lo spettacolo che insegna a riciclare

L'iniziativa di Comieco per le scuole fa tappa anche nel veronese: domani a Bussolengo.

Carta d'imbarco, lo spettacolo che insegna a riciclare
Garda, 13 Novembre 2018 ore 13:14

“Carta d'imbarco: Un viaggio nel riciclo di carta e cartone” arriva a Bussolengo.

Carta d'imbarco, lo spettacolo che insegna a riciclare

Lo spettacolo teatrale di Comieco, il Consorzio nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica, racconta il ciclo del riciclo della carta partendo da alcuni concetti chiave come la tutela dell’ambiente, l’attenzione alla raccolta differenziata e la valorizzazione dello scarto. Appuntamento mercoledì 14 novembre, con due turni alle 9 e alle 11, al Teatro parrocchiale di Santa Maria Maggiore in piazza Nuova, 3. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il Comune di Bussolengo e il Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, di Anci, di Utilitalia e di Unirima.
“Carta D’Imbarco” si rivolge ai ragazzi delle scuole superiori (ma domani parteciperanno anche 200 alunni delle classi di 3^ della Scuola Secondaria di Primo Grado “Leonardo da Vinci” di Bussolengo) e lo fa con il linguaggio semplice e diretto del giornalista e autore Luca Pagliari che, prendendo spunto dall’enciclica di papa Francesco “Laudato sì”, racconta il viaggio di una scatola di cartone verso una nuova vita grazie al riciclo: dal momento in cui, una volta utilizzata, viene destinata alla raccolta differenziata, fino alla sua rinascita come nuovo imballaggio. Un viaggio straordinario che non sarebbe possibile senza la collaborazione del cittadino che, nella vita di tutti i giorni, gettando giornali, fogli, scatole, riviste e imballaggi di carta e cartone nell’apposito contenitore, diventa protagonista di un gesto di civiltà e di rispetto nei confronti dell’ambiente e della comunità.

Nel Veronese si raccolgono più di 60 chilogrammi per abitante all’anno

“Lo spettacolo teatrale ‘Carta d’imbarco’ percorre l’Italia da nord a sud per rendere consapevoli i cittadini, in particolare il pubblico degli adolescenti, dell’importanza di una corretta raccolta differenziata di carta e cartone”, dichiara il direttore generale di Comieco Carlo Montalbetti. “La provincia di Verona nel 2017 ha ottenuto ottimi risultati, raccogliendo 60,7 chilogrammi di materiale cellulosico per abitante. Un dato che può essere ancora migliorato sia in quantità sia in qualità, se consideriamo che la media di raccolta del Nord Italia si attesta sui 63 chili per abitante”.
“I dati previsionali per il 2018 parlano di una stima pari a 21.755,315 tonnellate di carta e cartone raccolti e avviati al recupero dai nostri comuni consorziati”, sottolinea il presidente del Consorzio di Bacino Verona Due del Quadrilatero, Cristiano Tabarelli. “Numeri che da una parte evidenziano il dato positivo del valore oramai riconosciuto alla carta come bene recuperabile, dall’altra mostrano come sia necessario interrogarsi su nuovi sbocchi per la carta da macero e per i prodotti finiti in carta riciclata”.

L'importanza di sensibilizzare le nuove generazioni

“Si tratta di un’iniziativa lodevole: non appena ci è stata proposta abbiamo dato subito il nostro patrocinio come Comune”, afferma Giovanni Amantia, vicesindaco e assessore con delega all’ambiente del comune di Bussolengo. “Il riciclo è un cardine fondamentale per lasciare ai nostri figli un futuro migliore. Appunto per questo bisogna educarli fin dalla giovane età ad essere virtuosi ed a non produrre inutilmente immondizia. Più si ricicla meglio stiamo tutti”.