Progetto

“Ci sto? Affare fatica!”, ben 70 ragazzi di Legnago e Cerea per ripristinare il decoro del paese

Una settimana ciascuno per mettersi a disposizione, per sporcarsi le mani e fare qualcosa di bello e buono.

“Ci sto? Affare fatica!”, ben 70 ragazzi di Legnago e Cerea per ripristinare il decoro del paese
Legnago e bassa, 14 Luglio 2020 ore 10:34

La voglia di mettersi in gioco per il decoro del proprio Comune.

Lavori di riordino e ripristino

Si chiama “Ci sto? Affare fatica!” ed è il progetto che è stato lanciato dal capoluogo scaligero, fortemente voluto e sostenuto dall’assessore ai Servizi sociali del Comune Stefano Bertacco. Un’esperienza formativa, che vedrà i giovani “sporcarsi le mani” e fare fatica con lavori di vario tipo, ma dalla quale usciranno arricchiti. Anche per l’edizione 2020, il progetto esce dai confini comunali, coinvolgendo San Giovanni Lupatoto, Legnago, Cerea, Villafranca, Buttapietra e Castel d’Azzano. Motivo per cui i ragazzi di Cerea e Legnago non si sono fatti sfuggire questa occasione.

Pulizia delle panchine e non solo

E’ iniziata con grande entusiasmo la prima settimana del progetto nei comuni di Legnago e di Cerea. Sono ben 70 i ragazzi coinvolti in lavori di ripristino, pulizia, riordino di beni collettivi. Una settimana ciascuno per mettersi a disposizione, per sporcarsi le mani e fare qualcosa di bello e buono. I ragazzi, grazie a questa opportunità, possono vivere momenti di condivisione di obiettivi e fatiche, sono già nate delle nuove amicizie e collaborazioni e non mancano anche gli scambio fra giovani generazioni e saggi handyman. I ragazzi stanno dimostrando una grande voglia di fare, ripuliscono le panchine, raccolgono i rifiuti ma non solo. Per permettere a tutti di interagire, i ragazzi vengono contattati entro il mercoledì precedente della settimana di lavoro, è bene dire che sono state talmente tante le richieste di partecipazione che si è creata una lista di attesa.

5 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità