Belfiore

Coldiretti Verona: la mela, il frutto preferito dagli italiani ma attenzione al cambiamento dei gusti

La produzione di mele veronesi rappresenta l’80% di quella veneta e Verona è la terza provincia italiana dopo Trento e Bolzano.

Coldiretti Verona: la mela, il frutto preferito dagli italiani ma attenzione al cambiamento dei gusti
Verona Città, 08 Ottobre 2020 ore 10:25

Esperti a Belfiore per parlare della “Mela di Verona. Prospettive e mercato in tempo di pandemia”.

Chiesta la certificazione

Il convegno è stato organizzato da Coldiretti Verona, in collaborazione con i Comuni di Belfiore, Zevio, Palù e Ronco all’Adige, in occasione della 69esima Festa della mela di Belfiore. Per la mela, già dal mese di maggio, è stata richiesta la certificazione “Mela del Veneto DOP con la sottozona Mela di Verona DOP”. Il disciplinare di produzione è stato inviato dall’Associazione Ortofrutta Veneta con le necessarie istanze alla Regione Veneto e al Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Il presidente Stefano Faedo, intervenuto per illustrare la procedura della certificazione, ha evidenziato:

La produzione di mele veronesi rappresenta l’80% di quella veneta e Verona è la terza provincia italiana dopo Trento e Bolzano. Pertanto, vogliamo dare a una coltura così storica ed eccellente maggiore valorizzazione per aprire nuovi mercati e dare ai produttori il giusto riconoscimento economico, troppo spesso mortificato dalle produzioni a basso prezzo provenienti da paesi stranieri”.

Difficoltà di export

A seguire, Giulia Montanaro di Assomela di Trento ha parlato dei consumi in calo e sulle difficoltà all’export, precisando:

“Tra il 2013 ed il 2019 i consumi domestici di mele in Italia si sono ridotti di quasi 10 punti percentuali. La perdita registrata è di circa il 13% del valore. I nuovi mercati, specie nel sud est asiatico, hanno consumatori con gusti e abitudini alimentari differenti rispetto ai consumatori italiani, europei o dei mercati nordafricani poiché prediligono tendenzialmente mele rosse, succose, croccanti e dolci. Durante il lockdown i consumi di ortofrutta sono aumentati e nel caso della mela hanno registrato + 21% rispetto a marzo 2019. La tendenza è stata infatti quella di preferire prodotti con una durata maggiore come le mele facili da conservare ma anche ricchi di proprietà nutrizionali e con molteplici possibilità di utilizzo”.

Aumentati i consumi dei prodotti italiani

Montanaro ha sottolineato che bisogna fare tesoro di quanto “imparato” durante i mesi di chiusura in cui i consumatori hanno generalmente aumentato i consumi di prodotti italiani, riconoscendo un valore aggiunto all’origine – Dop e Igp – e ai metodi di produzione sostenibili. Lorenzo Bazzana, responsabile economico e ortofrutta di Coldiretti ha spiegato:

“La mela continua ad essere il frutto più amato e consumato dagli italiani, ma nel corso degli anni sono cambiati i gusti e le aspettative. Anche i canali di vendita stanno cambiando, in dimensioni, modalità di vendita e numero di referenze. Il consumatore mostra di cercare un frutto riconoscibile, che abbia un aspetto a cui corrisponde un sapore e una consistenza soddisfacente, un frutto sicuro, sano, che possa, volendo, anche essere mangiato con la buccia che non deve essere troppo spessa. Un frutto che abbia una storia e un legame con il territorio. La sfida è questa: far uscire la mela dall’anonimato per trasformarla in un frutto riconosciuto e ricercato”.

Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Verona ha precisato:

“Con il percorso che abbiamo intrapreso per la certificazione, vogliamo dare una maggiore identità e valorizzazione alla mela, che rappresenta una delle eccellenze dell’agricoltura veronese. Il riconoscimento della Dop va a delineare inoltre il forte legame tra prodotto e territorio. Ci auguriamo che l’iter per ottenere il riconoscimento proceda nei migliori dei modi e di ottenere dal Ministero delle Politiche agricole un’autorizzazione transitoria all’inizio del 2021”.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità