Nogara e Verona

Condannata l’infermiera che aveva somministrato la morfina al neonato a Borgo Roma

La vicenda risale al 2017, da allora si sono susseguiti numerosi interrogatori.

Condannata l’infermiera che aveva somministrato la morfina al neonato a Borgo Roma
Verona Città, 15 Luglio 2020 ore 11:00

Nel marzo 2017 tutta la Provincia di Verona era sotto shock per la notizia.

Aveva messo a rischio la vita di un neonato

Sono passati tre anni dalla vicenda. Era la notte tra il 19 e il 20 marzo 2017 quando l’infermiera Federica Vecchini di Nogara, allora 43enne, avrebbe somministrato morfina ad un neonato mandandolo in overdose e in blocco respiratorio. Il piccolo, di appena un mese, era ricoverato in neonatologia a Borgo Roma, nel box 1 (quindi sarebbe stato dimesso l’indomani) ma improvvisamente va in arresto respiratorio. L’equipe medica non capisce il motivo mentre i momenti sono drammatici e il bambino rischia di morire. A un certo punto l’infermiera, madre di tre figli piccoli, ordina di somministrare il Naxolone, un farmaco che inibisce la morfina e ne determina anche il dosaggio. Fortunatamente il bambino si riprende. Di lì a poco partì subito un’inchiesta interna all’azienda sanitaria; il neonato risulta positivo agli oppiacei, i quali non erano mai stati prescritti e che, soprattutto, non erano necessari visto lo stato di salute in cui si trovava.

LEGGI ANCHE: La vicenda risale al 2017, da allora si sono susseguiti numerosi interrogatori

L’arresto e le accuse

L’infermiera era stata arrestata il 3 agosto 2017 e il 4 agosto alle 10.30 era stata sottoposta all’interrogatorio di garanzia insieme al suo legale, Massimo Martini. Nel corso degli anni si sono susseguiti diversi interrogatori e Vecchini aveva fatto ricadere la colpa sulla sua collega De Grandis, asserendo che lei gli aveva dato in custodia il neonato per mezz’ora, bambino che non era di sua competenza. Vecchini ha poi affermato di non aver mai dato al bambino la morfina, che è un antidolorifico ma che avrebbe dato il benzodiazepine. L’infermiera aveva poi parlato della sua situazione familiare difficile, spiegando che anche in ospedale si sapeva che si stava separando e fu lì che Vecchini fece il nome di Lauriola, del reparto di Terapia Intensiva neonatale, che, secondo quanto affermato da Vecchini, le consigliò di addossarsi la colpa in modo tale da risolvere la situazione in ospedale perché, in caso contrario, se il marito avesse saputo qualcosa avrebbe potuto anche decidere di toglierle l’affidamento dei figli.

La condannata

Nel pomeriggio di ieri, martedì 14 luglio 2020, il giudice Alessia Silvi ha condannato Federica Vecchini a tre anni e sei mesi di reclusione con l’accusa di lesioni gravissime per aver somministrato, secondo l’accusa, la morfina al neonato perché piangeva troppo. Ai genitori del piccolo è stato riconosciuto un risarcimento provvisionale complessivo che ammonta a 20mila euro, il tutto a carico dell’infermiera

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità