Congedo dal servizio del Maresciallo Maggiore Sabatino Romolo, vita spesa per i cittadini

Tra i vari riconoscimenti, la medaglia di Bronzo al Valor Civile.

Congedo dal servizio del Maresciallo Maggiore Sabatino Romolo, vita spesa per i cittadini
Legnago e bassa, 02 Gennaio 2020 ore 16:57

Congedo dal servizio del Maresciallo Maggiore Sabatino Romolo, vita spesa per i cittadini.

Congedo dal servizio del Maresciallo Maggiore Sabatino Romolo

Il Maresciallo Maggiore Ramolo dopo quasi 25 anni di comando della Stazione di Cerea, sarà collocato in congedo in data 09.01.2020 a conclusione di un percorso professionale iniziato il 22.11.1978, giorno dell’ingresso alla Scuola Carabinieri di Campobasso e successivamente a quella per Marescialli che lo ha portato a ricoprire numerosi incarichi tra cui 15 anni tra i Nuclei Operativi Radiomobili di Castelmassa, Verona e Legnago. Dal 1995 viene destinato alla Stazione Carabinieri di Cerea dove il 12.7.2012 assume il comando in qualità di titolare. Tra i vari riconoscimenti in data 29.05.2003, viene insignito della medaglia di Bronzo al Valor Civile con la motivazione:
“si tuffava nel fiume Menago ove era precipitata una autovettura con due persone a bordo salvando da sicura morte uno degli occupanti”. Inoltre, nel corso della carriera ha ricevuto un Encomio Solenne dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e numerosi apprezzamenti dai Comandi Superiore dell’Arma che da Autorità Civili. Negli anni 80 durante il servizio al NOR di Verona a partecipato alle operazioni di ricerca del rapimento del Generale Dozier. Successivamente a quelle della minore Tacchella.

Numerose le operazioni di Polizia

Numerose anche le operazioni di Polizia:
– nell’anno 2002 nei confronti di una “banda Baby gang” conclusasi con il deferimento di nr. 15 giovani e con l’emissione di 4 provvedimenti restrittivi della libertà personale e 1 per inosservanza degli obblighi derivanti dalla Sorveglianza Speciale;
– nel 2009, operazione “Holland” che ha permesso di sgominare un ingente traffico di sostanze stupefacenti per un volume d’affari di circa 3 milioni di euro;
– il 30.10.2012 ha proceduto alla cattura di persona latitante di origine Moldava che doveva scontare anni 15 carcere per reati di violenza sessuale e altri commessi sempre su minori;
– nel 2014 nelle province di Verona, Venezia e Treviso coordinava partecipandovi mirata indagine relativa ad attività di spaccio sostanze stupefacenti, culminata con il recupero di kg.41 di sostanza stupefacente “eroina” con l’arresto di 3 persone di origine albanese.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità