Cronaca
Fare chiarezza

Contenimento del Coronavirus, risposte ai quesiti sul DPCM del 9 marzo

Tutte le risposte su cosa potete o non potete fare nel periodo di contenimento

Contenimento del Coronavirus, risposte ai quesiti sul DPCM del 9 marzo
Cronaca 10 Marzo 2020 ore 12:14

Contenimento del Coronavirus, sono molte le domande dei cittadini su cosa e cosa non si può fare.

Contenimento del Coronavirus, risposte ai quesiti sul DPCM del 9 marzo

Sono molti i dubbi e le domande che si stanno ponendo i cittadini da ieri sera su che cosa si può fare o meno dopo la pubblicazione del nuovo DPCM di ieri, 9 marzo 2020 che è entrato in vigore oggi, 10 marzo 2020. Attraverso le pagine Facebook i sindaci, le Pro Loco e gli enti pubblici stanno fornendo le indicazioni ai cittadini, spiegate in modo semplice e immediato, di tutto ciò che le singole persone possono fare in base alle indicazioni che sono state date per il contenimento dell'epidemia Coronavirus, sempre ricordando che rimanere a casa il più possibile è la soluzione migliore.

LEGGI ANCHE: Conte in conferenza stampa a sorpresa: “Tutta l’Italia diventa zona protetta”

LEGGI ANCHE: Zona rossa, ecco il modulo di autocertificazione per spostarsi dentro e fuori provincia

Le risposte

Le autorità rendono quindi note le risposte alle seguenti domande:

  1. Posso uscire di casa per una passeggiata?
    Sì, ma non in luoghi affollati e solo se non si crea assembramento e comunque tenendo le distanze di almeno 1 metro tra le persone, evitando comunque la formazione di gruppi.
  2. Posso andare a fare la spesa in un altro comune?
    La spesa deve essere effettuata in prossimita' della residenza/domicilio quindi prioritariamente nel proprio comune.
  3. I ragazzi/bambini/famiglie possono andare al parco?
    Sì, purché i luoghi non siano affollati e non si crei assembramento e comunque sempre tenendo le distanze di almeno 1 metro tra le persone.
  4. Posso andare a casa di amici per cena o durante la giornata per motivi diversi da quelli consentiti dal DPCM?
    No, gli spostamenti sono consentiti solo per motivate esigenze lavorative o situazioni di necessita’ (es. spesa alimentare) o per motivi di salute secondo DPCM.
  5. Sono un nonno/nonna che deve andare all’interno del comune o in altro comune a tenere i nipoti perché i miei figli vanno a lavorare, posso andare?
    Sì, spostamento consentito per necessità.
  6. Sono un genitore separato, posso andare a prendere mio figlio a casa dell’altro genitore?
    Sì, spostamento consentito per necessità.
  7. Sono un lavoratore dipendente, posso recarmi sul posto di lavoro?
    Sì, lo spostamento per motivi di lavoro é consentito.
  8. Sono un artigiano/libero professionista/lavoratore autonomo, posso spostarmi per lavoro?
    Sì, spostamento consentito per esigenze lavorative – portarsi dietro autocertificazione/documentazione che comprovi la necessità dello spostamento.
  9. Sono un libero professionista, posso spostarmi liberamente?
    No, solo se per comprovate esigenze lavorative dimostrabili.
  10. Ho i genitori anziani da accudire posso recarmi a casa loro?
    Sì, spostamento consentito per necessità.

Torna alla home

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter