Verona

Contrasto agli assembramenti sui bus: verranno rinforzate le linee di trasporto

Prosegue il calo degli abbonamenti Atv di almeno il 50%.

Contrasto agli assembramenti sui bus: verranno rinforzate le linee di trasporto
Verona Città, 22 Ottobre 2020 ore 09:15

Saranno risolte le problematiche.

Saranno aggiute 154 corse

Dal 2 novembre 2020 la linea di trasporto urbana sarà ulteriormente rafforzata, con l’aggiunta di 154 corse sulle attuali 798 già operative. Una ricalibratura del servizio di trasporto pubblico che dall’inizio dell’anno scolastico ha dovuto fare i conti con la definizione dell’orario delle lezioni, e che aveva aggiunto 800 corse nelle linee più frequentate e negli orari di punta degli studenti. L’ulteriore potenziamento diminuirà gli attuali tempi di attesa, che da una frequenza ogni 20 minuti passerà a 15 e da 30 minuti a 20.

Ancora pochi abbonamenti

Rispetto al pre-Covid restano in forte diminuzione gli abbonamenti, con un calo del 50%. Un dato che evidenzia il drastico impatto economico registrato dalla società di trasporto pubblico che, a fronte di minori entrate, sostiene oggi un importante incremento dei servizi messi in campo per limitare gli assembramenti sui propri mezzi, con una previsione di perdita di 15 milioni di euro per l’anno scolastico 2020-21.
Dallo scorso 30 aprile ad oggi, in previsione delle possibili criticità frutto della ripartenza scolastica, il vicesindaco ha effettuato una decina di riunioni con Provveditorato e mobility manager scolastici. Il tutto per raggiungere una programmazione in grado di evitare gli orari di punta, ma la richiesta di scaglionare gli orari o la possibilità di diversificare fra lezione in presenza e in didattica a distanza non ha mai ottenuto una effettiva risposta da parte del mondo scolastico.

Una situazione nuova

Il vicesindaco e assessore alla Viabilità, Luca Zanotto ha affermato:

“Prima dell’inizio delle scuole non avevamo dati sufficienti per conoscere concretamente la situazione. Grazie alla costante collaborazione di Atv, è stata data risposta alle necessità che emergevano con 800 corse aggiuntive avviate fino ad oggi. Un ampliamento del servizio importante, che ha messo in strada più autobus rispetto al 2019, nonostante il calo degli abbonamenti di almeno il 50% e in generale di tutta l’utenza. Una situazione per cui si stima in 15 milioni di euro la perdita di quest’anno. Da parte del Comune nulla però è stato lasciato indietro, con l’avvio già dalla fine dell’aprile scorso di tavoli tecnici con il Provveditorato per cercare le soluzioni in grado di limitare gli assembramenti. E’ stato fatto tutto il possibile in una situazione completamente nuova e con molti elementi di incertezza. Che il 2020 è l’anno nero per il trasporto pubblico non è una novità, difficoltà che a Verona porteranno ad una probabile perdita di circa 15 milioni”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità