Polizia Locale

Controlli anti occupazione al Saval e contro lo spaccio in stazione a Verona

Gli agenti hanno già fatto richiesta perché siano chiusi tutti gli accessi alla struttura

Controlli anti occupazione al Saval e contro lo spaccio in stazione a Verona
Verona Città, 01 Aprile 2020 ore 14:44

Nuovo controllo della Polizia locale, contro l’occupazione abusiva di edifici dismessi.

Polizia Locale effettua i controlli

Oggi, mercoledì 1 aprile 2020 infatti, gli agenti hanno compiuto un sopralluogo al Saval per verificare la presenza di persone all’interno dello stabile che si trova in via Marin Faliero, 44. Alcuni cittadini, infatti, avevano segnalato un viavai sospetto nei pressi del fabbricato. La pattuglia, intervenuta con il supporto anche dell’unità cinofila, ha ispezionato l’edificio, sia all’interno che all’esterno, ma al momento dei controlli nessuno era presente. Gli agenti hanno già fatto richiesta perché siano chiusi tutti gli accessi alla struttura. Al Saval, l’attività di controllo si è concentrata poi nelle aree attorno al centro commerciale, per verificare la presenza di persone sospette nei giardini, nelle strutture polifunzionali e negli stabili adiacenti.

Tracce d’uso di stupefacenti

Le verifiche nel quartiere confermano che l’emergenza sanitaria non ferma l’impegno della Polizia locale per garantire la sicurezza dei cittadini. Infatti, gli agenti, sempre supportati dal cane Pico, hanno realizzato una lunga operazione di monitoraggio del territorio e di prevenzione contro lo spaccio anche nelle aree attorno alla stazione di Porta Nuova. Le pattuglie sono intervenute in piazzale XXV Aprile nella zona delle pensiline di attesa dei bus e, con un controllo a piedi, in via Città di Nimes. Il sopralluogo è proseguito nell’area dei parcheggi e lungo le siepi di circonvallazione Maroncelli, dove sono state trovate tracce dell’uso di stupefacenti, e poi con una verifica alle auto in sosta nei parcheggi di Porta Palio e di viale colonnello Galliano.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità