Controllo del Vicinato, venerdì un incontro a San Pietro di Legnago

Interverranno il referente provinciale, il referente comunale, i coordinatori dei gruppi locali.

Controllo del Vicinato, venerdì un incontro a San Pietro di Legnago
Legnago e bassa, 26 Novembre 2019 ore 09:21

Controllo del Vicinato, venerdì un incontro a San Pietro di Legnago.

Incontro sul Controllo del Vicinato a San Pietro

Venerdì 29 novembre, alle ore 21, a San Pietro di Legnago in "Sala Pesca" - via Verona, 9 (vicino alla Scuola dell'infanzia) - si terrà un incontro informativo sulle caratteristiche dei gruppi di controllo del vicinato. Durante la serata verrà approfondito il Controllo del Vicinato a livello nazionale, le attività nel comune di Legnago, le accortezze quotidiane per la propria sicurezza residenziale. Inoltre la serata sarà l'occasione per costituire un nuovo gruppo del controllo del Vicinato a San Pietro.

I relatori della serata

Durante l'incontro di venerdì interverranno il referente provinciale del Controllo del Vicinato, il referente comunale del programma, i coordinatori dei gruppi locali legnaghesi, la Polizia municipale e alcuni rappresentanti dell'amministrazione comunale.

Cos'è il Controllo del Vicinato

Il progetto Controllo del Vicinato non presuppone atti eroici, non ha funzioni repressive, né, tantomeno, invita ad acciuffare il malvivente, è un progetto di prevenzione, per evitare che i reati si consumino. L’isolamento e la privacy, sono nemici della sicurezza e quindi dobbiamo cercare di recuperare i rapporti di fiducia coi nostri vicini, sapere di non sentirsi soli è il primo passo per non avere paura. Se ci pensiamo bene, un ladro non vuole farsi vedere, non vuole perdere tempo e, ovviamente, non vuole farsi prendere; per progettare un colpo, i malviventi passeranno davanti alla casa prescelta, non sono fantasmi, basta non girarsi dall’altra parte o far finta di nulla delegando ad altri il problema, e allertare subito le Forze dell’Ordine. In parole povere grazie all’ausilio della tecnologia molti cittadini infatti utilizzando per esempio WhatsApp, quindi si diventa vere e proprie sentinelle dei quartieri, i cittadini operano una vigilanza l’uno sull’altro, sulla propria zona, il proprio condominio o la loro strada, in modo da poter segnalare eventuali anomalie o presenza di persone o auto sospette.

Il controllo del Vicinato serve soprattutto per ristabilire il senso di sicurezza dei cittadini, ed è importante concentrarsi sulla prevenzione, ovvero trovare un modo per evitare che tali reati avvengano, in particolare, il CdV si basa su tre principi, il primo è quello di recuperare il capitale sociale, ovvero ricostruire le relazioni che creano coesione, l’isolamento porta esclusivamente paura e più una persona ha paura più è vittima, dunque bisogna fare in modo che i cittadini non si sentano più soli; il secondo è l’insegnamento e la formazione dei cittadini stessi, che devono essere in grado di evitare le proprie vulnerabilità ambientali e comportamentali, che possono creare situazioni appetibili per il delinquente; il terzo elemento è la vigilanza: i cittadini devono essere altresì in grado di fare segnalazioni qualificate alle forze dell’ordine, che rappresentano una risorsa indispensabile per il loro lavoro

Il senso del Controllo del Vicinato, insomma è che il ladro deve avere timore dei cittadini, senza che essi intervengano.