Cronaca

Desenzano piange Gianni il sardo, domani i funerali

A Rivoltella, alle 15, l'ultimo saluto a Giovanni Spanu

Desenzano piange Gianni il sardo, domani i funerali
Cronaca 23 Marzo 2018 ore 14:35

Desenzano in lutto per Giovanni Spanu, 54 anni, morto giovedì 22 marzo a causa delle ferite riportate il giorno precendente, a Brescia, mentre si trovava sul posto di lavoro.

Domani i funerali

Domani, sabato 24 marzo, si celebreranno i funerali di Giovanni, da tanti conosciuto come Gianni il sardo per via delle sue origini isolane. Era nato a Sassari il 27 marzo del 1963. La cerimonia funebre si terrà a Rivoltella, nella chiesa di San Michele, alle ore 15.  A piangerlo la numerosa famiglia, in primis la moglie Cinzia e i figli Elia e Giada, ma anche la madre 91enne, residente in Sardegna, e i fratelli in arrivo dall’isola per tributare l’ultimo saluto e sostenere i parenti. Sarà sepolto al cimitero di Rivoltella, dove riposa anche la suocera recentemente scomparsa, con la quale aveva un grande rapporto.

Chi era

Gianni viveva a Desenzano dal 1985. Grande lavoratore, aveva svolto numerosi mestieri per sostenere la sua famiglia e gli studi dei due figli. Appassionato di moto e di pugilato, amava il “rischio”, ma non certo sul posto di lavoro.

L’incidente

Mercoledì, all’ora di pranzo, Spanu stava lavorando a Brescia all’angolo tra via Apollonio e via Martinengo Cesaresco. Stava predisponendo lo scavo per la posa della fibra ottica per conto di A2a. Al momento dell’incidente, stava spazzando l’area del cantiere prima di recarsi in pausa pranzo. Lo scontro fra un’automobile in uscita dall’incrocio e un furgone in transito ha provocato il ribaltamento di quest’ultimo. Giovanni è stato travolto, e nonostante la sua forte tempra e i pronti soccorsi, per lui non c’è stato nulla da fare.

Le indagini

La polizia locale di Brescia ha chiuso le indagini per la ricostruzione di quanto avvenuto. Si procederà ora alle necessarie verifiche per evidenziare eventuali responsabilità per questa assurda morte sul lavoro. Giovanni Spanu era orfano di padre da quando aveva sei anni: sua papà, carpentiere, morì per un incidente mentre si recava in cantiere.