San Bonifacio

"Documenti, prego", ma lui reagisce aggredendo i Carabinieri

I militari se la sono cavata con alcune contusioni, medicate presso il locale nosocomio.

"Documenti, prego", ma lui reagisce aggredendo i Carabinieri
Cronaca San Bonifacio, 02 Settembre 2021 ore 16:23

Nella serata di ieri, la pattuglia della Stazione Carabinieri di San Bonifacio, durante un servizio rivolto alla prevenzione e repressione dei reati predatori, fermava per un controllo A.A., ventottenne, africano, senza fissa dimora e con trascorsi giudiziari, che si aggirava a piedi con al seguito una grande busta contenente oggetti vari.

"Documenti, prego", ma lui reagisce aggredendo i Carabinieri

Alla richiesta dei militari di declinare le proprie generalità, il cittadino del Sudan, non ha voluto saperne, urlando frasi senza senso e scaraventando a terra gli oggetti che portava in mano e rifiutandosi inizialmente di fornire i propri dati anagrafici; giunta immediatamente sul posto un’altra pattuglia di Carabinieri in ausilio, il cittadino originario del Sudan, fortemente contrariato per il controllo, si scaraventava senza alcun motivo contro i militari, ingiuriandoli e colpendoli con calci e pugni, per poi essere bloccato e arrestato con l’accusa di violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale e resistenza.

Questa mattina è comparso davanti al Giudice del Tribunale di Verona che ha convalidato l’arresto, applicando la misura del divieto di dimora nella Provincia di Verona, in attesa del dibattimento previsto per dicembre prossimo. I militari se la sono cavata con alcune contusioni, medicate presso il locale nosocomio.