Menu
Cerca

Due arresti ieri a Verona

Entrambi erano già gravati da provvedimenti giudiziari

Due arresti ieri a Verona
Cronaca 20 Gennaio 2018 ore 14:27

Entrambi erano già gravati da provvedimenti giudiziari

Il controllo del territorio effettuato dalla Polizia di Stato è esteso a tutta l’area della città ed investe anche il flusso di presenze in arrivo e partenza dalla stessa; in tale contesto, i poliziotti delle Volanti nella giornata di ieri, venerdì 19 gennaio, hanno proceduto al controllo e successivo arresto di due persone, ambedue gravate da provvedimenti giudiziari.

Nel primo caso, accertato alle 8.30, nei pressi di una struttura alberghiera situata nell’area limitrofa a via Pallone, è stato individuato e controllato il cittadino albanese Lalaj Klajdo, 28enne, residente in provincia di Ravenna, regolarmente soggiornante in Italia, nei confronti del quale pendeva un provvedimento di esecuzione di ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa nei suoi
confronti dalla Procura della Repubblica di Ravenna.

La misura custodiale, emessa dall’autorità giudiziaria emiliana, si è resa necessaria in quanto l’unica capace di produrre effetti dissuasivi da parte dell’albanese il quale, risulta essere già stato condannato a mesi sei di reclusione, nonché gravato da plurimi precedenti di polizia; inoltre, da ultimo essendosi lo stesso reso responsabile dei reati di “resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate e danneggiamento” era stato sottoposto all’obbligo biquotidiano di presentazione alla Polizia giudiziaria, misura alla quale Lalaj Klajdo però non ha mai ottemperato.

Di qui l’aggravamento e la sostituzione dell’obbligo di firma con la misura più afflittiva degli arresti domiciliari che è stata notificata all’interessato dagli stessi agenti di Volante che ieri mattina l’hanno rintracciato qui a Verona.

Nel secondo caso invece, accertato alle ore 22.50 di ieri, la persona fermata è un cittadino veronese, Carlo Alberto Faccini, 35enne, pluripregiudicato, già sottoposto alla misura dell’affidamento in prova disposto nei suoi confronti dall’Ufficio di Sorveglianza di Venezia. Nelle more del controllo i poliziotti delle Volanti hanno appurato che pendeva un provvedimento di sospensione della misura alternativa alla detenzione dell’affidamento in prova in quanto si era reso responsabile della trasgressione delle regole di cui alla stessa misura tant’è che poi l’affidato addirittura aveva abbandonato la struttura che l’ospitava.

Il comportamento mantenuto, incompatibile con la prosecuzione della misura ha indotto l’autorità giudiziaria a disporre la provvisoria sospensione dell’affidamento in prova e contestuale ordine di accompagnamento del Faccini presso l’Istituto di detenzione. A dare esecuzione all’ordine di accompagnamento i poliziotti delle Volanti della Questura scaligera i quali hanno fermato ed identificato Faccini Carlo Alberto ieri sera in via San Giuseppe dove, lo stesso si è reso responsabile di un furto su un’auto in sosta, reato per il quale, essendo fuori dalla ipotesi di flagranza, è stato denunciato in stato di libertà alla locale Autorità Giudiziaria.