Due giorni d S-Cianco al mercato vecchio

Per questa diciassettesima edizione che inizia oggi 14 squadre cittadine si sfideranno.

Due giorni d S-Cianco al mercato vecchio
Verona Città, 20 Ottobre 2018 ore 08:31

Due giorni d S-Cianco al mercato vecchio. Per questa diciassettesima edizione che inizia oggi 14 squadre cittadine si sfideranno.

L'appuntamento

Sono 14 le squadre cittadine pronte a sfidarsi nella 17ª edizione del Torneo di S-cianco Città di Verona. L’appuntamento è per oggi e domani, sabato 20 e domenica 21 ottobre, in Cortile Mercato Vecchio, con l’iniziativa organizzata da AGA-Associazione Giochi Antichi in collaborazione con il Comune.

Le partite

Le partite si terranno sabato, ininterrottamente, dalle 9 alle 18, e domenica dalle 9 alle 13; seguiranno le semifinali e la finale alle ore 15.30.
Al primo classificato andrà il tradizionale palio “Mare della città”, grosso ciottolo di fiume che serve da base di partenza per il gioco e che la squadra vincitrice terrà per un anno, rimettendolo in gioco nell’edizione successiva.

Le squadre

Partecipano al torneo le squadre: Arbizzano di Negrar, Caselle di Sommacampagna, Cerro Veronese, Giarina, La Pigna, Montorio, Parona, Pescantina, Piazza Libero Vinco, San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo, San Rocco di Pescantina, Sri Lanka, Via Borgo di Pescantina, Via Libera Quinzano.

Promozione del patrimonio culturale

“L’associazione AGA è diventata ormai protagonista per quel che riguarda la promozione del nostro patrimonio culturale e per la conservazione di giochi che sarebbero altrimenti scomparsi – ha detto l’assessore Edi Maria Neri -. Un’occasione importante dal punto di vista educativo ma anche un momento di incontro e condivisione tra i cittadini”.

 

Per il gioco dello S-cianco, Verona vanta il primato di Comunità Ludica Tradizionale più numerosa in Italia e tra le più importanti in Europa.

Salvaguardia, difesa e diffusione

Oltre al Torneo Città di Verona, l’Associazione Giochi Antichi promuove altre attività finalizzate alla salvaguardia, difesa e diffusione del gioco e dello sport tradizionale. Tra queste: percorsi formativi per le scuole e l’ Università di Verona, iniziative culturali (tra cui il festival Tocatì) e l’apertura di Casa Colombare – Centro Documentazione Gioco Tradizionale, che fa parte del Sistema Bibliotecario Urbano del Comune di Verona.