Emergenza Venezia, il volto bello dei nostri ragazzi GALLERY

Tanti i ragazzi e le ragazze che si sono rimboccate le maniche per far risorgere la città lagunare.

Emergenza Venezia, il volto bello dei nostri ragazzi GALLERY
Lonigo, 15 Novembre 2019 ore 14:26

Emergenza Venezia, il volto bello dei nostri ragazzi.

Tanti ragazzi in strada per dare una mano

I giorni difficili che sta vivendo Venezia a causa della straordinaria acqua alta di martedì ci restituiscono anche delle belle immagini che fanno ben sperare per il futuro. Tante ragazze e ragazzi delle scuole superiori si sono riversati in strada, vista la chiusura degli istituti scolastici, per dare una mano alle persone in difficoltà.

14 foto Sfoglia la gallery

La testimonianza di un Veneziano

“Voglio testimoniare un qualcosa che non troverà spazio nei media – ha affidato il suo racconto ai social Francesco
Questa mattina mi trovavo in Via Garibaldi a Castello per aiutare mia zia (over 80 che non ne vuole di sapere di mollare) nel suo negozio che va sotto acqua già con maree oltre i 110cm. E’ stato commovente vedere tantissime ragazze e ragazzi delle scuole superiori che chiedevano a cittadini e negozianti se avessero bisogno di aiuto.
Era un continuo via vai di giovani con i guanti da lavoro che trascinavano sacchi o spingevano pesanti carrelli carichi di spazzatura. Finito un negozio, un supermercato, un ristorante, un antiquario, la farmacia o un bar passavano al successivo senza sosta. Alcuni nelle calli interne erano dentro le case intenti a spostare mobili e suppellettili affinché si potessero asciugare con il bel sole che era uscito. In questa giornata che poteva essere di grande sconforto per l’apocalisse successa due notti prima, ho visto un qualcosa che non mi aspettavo. Ho visto il futuro di questa nostra Serenissima Città, un futuro bello, forte, educato, colorato e solidale.Grazie ragazzi della Via Garibaldi, da oggi so che la nostra Venezia è in ottime mani!”. 

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità