Cronaca
disavventura

Escursionista di San Bonifacio scivola lungo il sentiero mentre scappa dai cinghiali e si rompe una gamba

E' rimasto lì, tra le rocce, con tibia e perone fratturati e senza la possibilità di comunicare in modo efficace la posizione ai soccorritori perché nell'impatto aveva perso gli occhiali da vista...

Escursionista di San Bonifacio scivola lungo il sentiero mentre scappa dai cinghiali e si rompe una gamba
Cronaca San Bonifacio, 24 Agosto 2022 ore 10:46

Un'escursione da dimenticare per un 49enne di San Bonifacio che è finito al Pronto soccorso con una gamba rotta e tanta paura. Prima è stato attaccato da un gruppo di cinghiali. Poi, nel tentativo di seminare gli animali, è caduto rovinosamente precipitando su un cumulo di rocce e procurandosi la rottura di una gamba. Come se non bastasse, poi, nel volo ha perso gli occhiali e non è stato semplice, in questo modo, comunicare la propria posizione ai soccorritori...

Escursionista di San Bonifacio scivola lungo il sentiero mentre scappa dai cinghiali e si rompe una gamba

Ieri passate le 18 la Centrale del Suem è stata allertata da un escursionista che si era fatto male durante il giro ad anello della Valle Carazzagno sul Lago del Corlo. Le prime informazioni purtroppo erano molto poche: l'uomo parlava della Casa del Cuore e di località Forzeleta, senza poter collaborare nell'invio delle coordinate poiché nella caduta aveva perso gli occhiali. Quindici soccorritori della Stazione di Feltre sono partiti in ricerca distribuendosi nella vallata, caratterizzata da saliscendi e fitta vegetazione, finché non sono riusciti ad avere un contatto vocale con il 49enne di San Bonifacio (VR) e lo hanno ritrovato molto fuori dal sentiero, lungo la verticale al Col Geremia, a 874 metri di altitudine.

Una volta raggiunto, l'uomo ha riferito di essersi spaventato dopo aver incrociato dei cinghiali, di avere preso un canalino per scendere verso il basso e di essere scivolato. Fermatosi sopra un salto di roccia dopo essere ruzzolato una trentina di metri, l'escursionista aveva riportato la probabile frattura di tibia e perone, botte alle testa e un taglio sul polpaccio. I soccorritori gli hanno prestato le prime cure, mentre, attivato dalla Centrale del 118 per il recupero, si avvicinava l'elicottero di Trento emergenza abilitato al volo notturno. Medicato dall'equipe sanitaria e imbarellato, l'uomo è stato issato a bordo con il verricello e trasportato all'ospedale di Belluno. L'intervento si è concluso alle 23.30.

Attorno alle 20 l'eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore era volata lungo la normale del Civetta, dove, vicino al tratto ferrato, si trovava una 44enne della Repubblica Ceca con un probabile trauma alla gamba. La donna è stata imbarcata dal tecnico di elisoccorso con un verricello e trasportata all'ospedale di Pieve di Cadore, pronta a intervenire in supporto una squadra del Soccorso alpino della Val di Zoldo. I tre compagni della donna hanno proseguito autonomamente.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter