Verona

Fabrizio Nonis, conduttore tv aggredito insieme al figlio dai tifosi dopo Verona-Inter

Hellas Verona FC censura con sdegno e fermezza qualsiasi atto di violenza o intimidazione.

Fabrizio Nonis, conduttore tv aggredito insieme al figlio dai tifosi dopo Verona-Inter
Cronaca Verona Città, 30 Agosto 2021 ore 11:40

Il conduttore televisivo enogastronomico Fabrizio Nonis e suo figlio sono stati aggrediti all’uscita dello stadio Bentegodi di Verona al termine della partita Hellas Verona e Inter.

Fabrizio Nonis, conduttore tv aggredito insieme al figlio

Una serata da incubo quella di venerdì 27 agosto 2021 per il conduttore televisivo enogastronomico Fabrizio Nonis, “El Bekér” e suo figlio al termine della partita Hellas Verona ed Inter che si è conclusa con la sconfitta gialloblu per 3 a 1. Padre e figlio sono stati raggiunti all’uscita dello stadio Bentegodi di Verona da alcuni tifosi del Verona e sono stati presi a calci e pugni.

Quindici minuti di vero terrore e violenza inaudita ai danni del noto macellaio conosciuto con il nome d’arte “El Bekér” e per il figlio 22enne che mai avrebbero pensato che quella piacevole serata potesse trasformarsi in un incubo. A causa dei pugni e dei calci ricevuti, padre e figlio sono dovuti ricorrere alle cure del Pronto Soccorso dove al conduttore sono state diagnosticate una frattura allo zigomo destro ed una perforazione del timpano.

Solidarietà dall’Hellas Verona

Attraverso un post social, la società Hellas Verona ha espresso la massima solidarietà verso Nonis e il figlio:

Hellas Verona FC censura con sdegno e fermezza qualsiasi atto di violenza o intimidazione, ovunque e da chiunque esso venga perpetrato, esprimendo massima solidarietà al signor Nonis e al figlio”.

Numerosi i messaggi di solidarietà nei confronti di Nonis che, sui social, ha ringraziato tutti per la vicinanza e solidarietà.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Nonis (@fabriziononis)

Sull'episodio stanno indagando gli uomini della Digos che stanno esaminando i filmati per riuscire a individuare i colpevoli.

(foto copertina profilo Instagram)