Cronaca

Fidanzati morti in Grecia, il ricordo del sindaco di Caldiero

Grande sconcerto per l'improvvisa scomparsa di Paolo Verzini e Federica Baltieri per colpa di un incidente in quad durante la loro vacanza in Grecia

Fidanzati morti in Grecia, il ricordo del sindaco di Caldiero
Cronaca Est Veronese, 01 Agosto 2018 ore 15:37

Il tragico incidente che ha portato via Paolo Verzini e Federica Baltieri (ve ne abbiamo parlato QUI), i due fidanzati morti a Rodi a seguito di un incidente con il loro quad, ha sconcertato tutti a Caldierino, frazione del Comune di Caldiero, dove risiedevano da cinque anni.

Fidanzati morti a Rodi, due vite spezzate

I due, 40 anni lui e 28 lei, erano partiti per la Grecia sabato scorso con un volo last minute, approfittando del periodo di ferie  di entrambi. Verzini era un operaio e lavorava alla Biondan, azienda di Montorio che produce opere in bronzo, ma era conosciuto soprattutto come navigatore nelle gare di rally. Baltieri, invece, barista in un locale a Verona e, ironia beffarda della sorte, avrebbe avuto l'indeterminato ad Agosto.

La dinamica dell'incidente

I due fidanzati sono morti a seguito di un incidente con il quad che avevano noleggiato una volta arrivati a Rodi. Il loro mezzo si è scontrato frontalmente con un pick-up, e per i due non c'è stato nulla da fare.

Le parole del sindaco di Caldiero

«Siamo chiaramente sconcertati. Io li conoscevo probabilmente di vista questi ragazzi. Era dal 2014 che abitavano a Caldierino. La tragedia è immane, tra l’altro purtroppo è una settimana che andiamo avanti a tragedie: prima è venuto a mancare il presidente della locale sezione degli Alpini, lo stesso giorno è venuto a mancare l’ex capo dell’ufficio tecnico, l’architetto Alessio Pasetto, e ora anche questi due ragazzi. La cosa che dispiace è proprio il fatto che fossero anche in ferie, stavano vivendo un momento di spensieratezza dopo un anno di impegni, ed arrivare a mancare in questo modo è molto tragico. La vicinanza alla famiglia e ai loro amici c’è. È una cosa che ci lascia sconcertati, due giovani vite stroncate così lasciano una grande tristezza. Io li conoscevo appena, li avrò visti un paio di volte. Vivevano fuori paese. Per quanto mi hanno riferito erano delle brave persone. Purtroppo sono state vittime di questo incidente».

 

TORNA ALLA HOMEPAGE