Verona

Firmato l’accordo tra agricoltura e attività venatoria, Salvagno: “Una relazione sostenibile con l’ambiente”

L’accordo rappresenta un’importante intesa tra due Associazioni impegnate a trovare soluzioni che uniscano agricoltori e cacciatori in una relazione sostenibile con l’ambiente.

Firmato l’accordo tra agricoltura e attività venatoria, Salvagno: “Una relazione sostenibile con l’ambiente”
Verona Città, 14 Luglio 2020 ore 13:22

Protocollo siglato questa mattina.

Importante intesa

Insieme per la gestione delle risorse naturali, per collaborare ad iniziative di carattere ecologico, per vigilare sul territorio, per tutelare il paesaggio agrario. È quanto prevede il protocollo siglato questa mattina, nella sede provinciale di Coldiretti Verona, da Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Verona e Alessandro Salvelli, presidente provinciale di Federcaccia. Alla firma dell’accordo era presente anche il direttore di Coldiretti Verona, Giuseppe Ruffini. L’accordo rappresenta un’importante intesa tra due Associazioni impegnate a trovare soluzioni che uniscano agricoltori e cacciatori in una relazione sostenibile con l’ambiente. Nel veronese i cacciatori sono circa 6800 di cui 3000 iscritti a Federcaccia.

Il monitoraggio della fauna selvatica

Molti i fattori di interesse comune come il monitoraggio della fauna selvatica, il rispetto delle prassi agronomiche, la prevenzione del bracconaggio, degli incendi, in un’ottica di reciprocità per il ruolo di sentinelle rivestito da entrambe le figure professionali. Il rapporto tra caccia e agricoltura, precisa il protocollo d’intesa, afferisce a un unico ambito: la gestione del territorio rurale, con i conseguenti benefici per l’attività venatoria e quella agricola, anche in rapporto al tema della tutela dell’ambiente salvaguardando la biodiversità attraverso la ricostituzione di habitat, il presidio del territorio e delle stesse coltivazioni, con innegabili vantaggi generali al paesaggio agrario, forestale, idrogeologico ed alla fauna.

Salvaguardia del sistema

Daniele Salvagno ha commentato:

“La firma di questo protocollo è particolarmente importante in quanto, effettivamente, si pongono le basi, anche a livello provinciale, per un’attività che sicuramente proseguirà nel tempo, per la tutela del territorio e delle aziende agricole dalla fauna selvatica e dai grandi predatori. La fauna selvatica causa danni consistenti in pianura come in montagna dove il rischio principale sono il ruscellamento e lo smottamento dei pascoli scoscesi. Questo fenomeno a lungo andare comporta gravissimi danni idrogeologici anche a valle con piene improvvise e altri fenomeni dannosi per gli insediamenti, oltre che per l’ambiente. L’equilibrio del numero di selvatici in montagna è quindi fondamentale per la salvaguardia del sistema montano stesso e di tutto il territorio. L’opera dei cacciatori si affianca pertanto a quella degli allevatori nel mantenimento e nella valorizzazione del territorio montano e in genere nella salvaguardia dell’ambiente”

Che cosa prevede

Nel programma delle azioni previste, in un’ottica di sviluppo delle conoscenze, di formazione ed educazione pubblica, rientra lo sviluppo di iniziative di carattere sociologico, storico culturale, divulgative e legislative. Soddisfatto il presidente della sezione provinciale di Federcaccia Verona, Alessandro Salvelli, che, in gesto di collaborazione, ha consegnato al presidente Salvagno la bandiera associativa, concludendo:

“Intendiamo dar seguito, con Coldiretti Verona, al protocollo già siglato a livello regionale. Con questa iniziativa vogliamo affrontare seriamente ed efficacemente il problema delle specie nocive, attraverso soluzioni concrete e risolutive. Saremo in grado di organizzare e partecipare a incontri sul territorio e a tutte le iniziative che per effetto della sottoscrizione saranno poste in essere. Il nostro corpo di vigilanza volontaria sarà sempre più attento all’uso corretto delle aree agricole da parte dei cacciatori”.

Coldiretti Verona, attraverso l’ente di formazione Impresa Verde Verona Srl, ha iniziato un percorso formativo per cacciatori con indicazioni sulla sicurezza nell’attività venatoria. A maggio la formazione a distanza è stata seguita da 40 cacciatori e in programma ci sono altri corsi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità