Verona

FP Cgil Verona sull’Istituto Assistenza Anziani: “Regione blocchi la decisione dei vertici”

"Decisioni e comportamenti dell'ente senza precedenti in Veneto. Intervenga la Regione".

FP Cgil Verona sull’Istituto Assistenza Anziani: “Regione blocchi la decisione dei vertici”
Cronaca Verona Città, 04 Febbraio 2021 ore 09:54

I Segretari Generali Regionali di FP CGIL – CISL FP (Bernini, Pallaro) si pronunciano a difesa dei lavoratori sulla grave situazione presente all’Istituto Assistenza Anziani di Verona.

FP Cgil Verona in difesa dei lavoratori

I segretari generali Regionali di FP CGIL – CISL FP  (Bernini, Pallaro) ritengono opportuno l’intervento da parte dell’assessore alle politiche sanitarie e sociali per porre fine ad una situazione di gestione dell’ente che loro definiscono come “Oramai fuori controllo che ha raggiunto livelli di conflittualità verso i lavoratori senza precedenti”. I segretari generali Regionali affermano:

“Ci appare poco responsabile e immotivata la richiesta avanzata dalla direzione dell’Ente di chiedere la restituzione di soldi ai lavoratori che sono stati erogati attraverso la contrattazione tra le parti – addirittura procedendo a ritroso a partire dal 1999 – non solo per il momento che questi lavoratori stanno attraversando in relazione alla gestione della pandemia ma per le ragioni stesse per le quali viene esplicitato un atto tanto prepotente nei confronti di chi lavora. Una scelta che non solo mette in discussione la contrattazione tra le parti, e quindi le scelte condivise tra soggetti negoziali nel corso di 20 anni sulla base dei dettati contrattuali, ma che evidente disconosce e denuncia nei tribunali il ruolo e le funzioni svolte dai precedenti consigli di amministrazione che si sono succeduti nei 20 anni, dei direttori e dei revisori dei conti che hanno sempre certificato la regolarità della contrattazione. Che poi si apprenda che la richiesta ai lavoratori, di restituire oltre 5 milioni di euro, avvenga senza un accertamento ispettivo della Corte dei Conti ma sulla base di un’iniziativa autonoma di controllo, con i limiti che la stessa ha nei fatti, lascia basiti”.

Situazioni di rabbia e conflitto

Le segreterie regionali continuano:

“Vorremmo sottolineare che atteggiamenti di questo tipo, che all’Ipab I.A.A. di Verona si sommano ad atti gravi come la denuncia da parte dell’ente di 33 lavoratori alla Procura della Repubblica in giornata di sciopero, emulano evidentemente un’irresponsabilità che pare diffondersi in troppa parte di soggetti con incarichi politici ed istituzionali poco attinenti con la vita reale delle persone e dei lavoratori. Atteggiamenti che amplificano situazioni di rabbia e conflitto. Ricordiamo che altissimo è stato il tributo in termini di infortunio da Covid19 degli operatori delle case di riposo. E ricordiamo anche che questi operatori non hanno ricevuto alcun premio come ringraziamento per aver assistito i nostri anziani”.

Indetta una manifestazione

Bernini e Pallaro hanno concluso:

Sabato 6 febbraio 2021 i lavoratori saranno organizzati in presidio, l’ennesimo, per manifestare la propria rabbia rispetto ad una scelta tanto sbagliata. Che oltremodo umilia il loro lavoro. E’ tempo che Regione e comune di Verona intervengano utilizzando tutti gli strumenti di loro competenza, perché’ è evidente che, in alternativa, il conflitto tra ente e lavoratori si trasferirà per molti anni nelle aule dei tribunali e rischia fenomeni emulativi in tutto il territorio regionale”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli