Verona

Furbetti della patente provano a copiare durante l'esame usando apparecchi elettronici

Da inizio anno sono complessivamente 38 i denunciati, 6 nell'ultimo mese, tra chi tenta di superare i test e chi presenta false patenti per farle convertire in italiane

Furbetti della patente provano a copiare durante l'esame usando apparecchi elettronici
Pubblicato:

Nell'ultimo mese a Verona sono state denunciate sei persone, colte in flagrante a copiare mediante tecnologie avanzate all'esame per ottenere la patente di guida B e C svolto presso la motorizzazione della città.

Furbetti della patente provano a copiare durante l'esame

È in continuo aumento il numero di cittadini stranieri che si appoggiano a organizzazioni criminali per cercare di superare l’esame scritto attraverso l’uso di tecnologie sempre più sofisticate ed ottenere la patente alla motorizzazione civile di Verona.

Una pratica che muove un ingente giro d’affari, dal momento che i candidati pagano tra i 1.500 e i 2 mila euro a tentativo, e per la quale la Polizia locale è impegnata ad individuare gli organizzatori.

Grazie ad una stretta collaborazione tra il Laboratorio Analisi Documentale della Polizia locale e la direzione della motorizzazione, sono stati intercettati questa settimana sei cittadini dotati di attrezzatura elettronica, telecamerina con batteria, cavi elettrici, antenne minirouter con scheda sim e cellulare, grazie ai quali ricevevano i suggerimenti dall’esterno per superare l’esame.

Apparecchi elettronici sequestrati durante l'esame

Raggiri anche per ottenere la patente di categoria C

L’intensificarsi dei controlli ha, inoltre, riscontrato un nuovo sviluppo riguardante i tentativi di superare l’esame per ottenere anche la patente di guida di categoria C per autocarri, oltre a quella di categoria B per autovetture.

Da inizio anno sono complessivamente 38 i denunciati tra chi tenta di superare gli esami e chi presenta false patenti rilasciate da stati dell’Unione Europea per farle convertire in italiane.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali