Giacometti premiato dal sindaco Sboarina

Sboarina: "“Un segno di ringraziamento – ha dichiarato il Sindaco – ad un atleta veronese che nella sua carriera sportiva ha raggiunto numerosi ed importanti riconoscimenti".

Giacometti premiato dal sindaco Sboarina
Verona Città, 31 Marzo 2018 ore 09:38

Giacometti premiato dal sindaco Sboarina.

Campione italiano master di tuffi e allenatore

Il sindaco Federico Sboarina ha incontrato a palazzo Barbieri il tuffatore veronese Riccardo Giacometti, campione italiano master di tuffi ed allenatore della squadra della Fondazione Bentegodi. Tuffatore fin dalla giovane età, Giacometti è stato a livello giovanile quattro volte campione Italiano di categoria. Nel 2012, con il suo rientro nel circuito gare dopo una lunga attività nell’ambito dei tuffi acrobatici da 27 metri, Giacometti vince l’oro nel campionato italiano Master e, nel 2014, è campione del mondo Master.

La targa di riconoscimento per la sua lunga attività

A Giacometti è stata consegnata una targa di riconoscimento per la sua lunga attività di sportivo e di allenatore, per gli importanti risultati raggiunti dalla sezione tuffi della Bentegodi. Tra questi è stata ricordata la recente vittoria di Elisa Pizzini, medaglia d’oro ai Campionati italiani della categoria esordienti C1. Presenti il presidente della Fondazione Bentegodi Cristiano Tabarini e il direttore generale Stefano Stanzial.

Un segno di riconoscimento

“Un segno di ringraziamento – ha dichiarato il Sindaco – ad un atleta veronese che nella sua carriera sportiva ha raggiunto numerosi ed importanti riconoscimenti. Una passione, quella per il tuffo, che non lo ha mai abbandonato e che oggi trasmettere alle future generazioni di campioni nella veste di allenatore. Un riconoscimento che rappresenta il ringraziamento della città per aver contribuito a tenere alto il nome dello sport veronese e che vuol essere anche un augurio per i suoi futuri impegni di allenatore e sportivo”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità