Gino Fiocco prende il posto di Faccioli in Provincia

La sua nomina è dipesa dalla rinuncia di Zamperini e Corrà, i primi due non eletti.

Gino Fiocco prende il posto di Faccioli in Provincia
Verona Città, 20 Luglio 2018 ore 14:39

Gino Fiocco è il nuovo consigliere provinciale. La presentazione ufficiale è avvenuta oggi, nella sala Rossa dei Palazzi Scaligeri. 

Gino Fiocco al posto di Mario Faccioli

Fiocco prenderà quindi il posto di Mario Faccioli, ex sindaco di Villafranca al quale sarebbe dovuto succedere il primo dei non eletti, Luca Zamperini, che nel frattempo però è stato nominato assessore (sempre a Villafranca), carica incompatibile con quella di consigliere Provinciale. Il secondo dei non eletti, il sindaco di Salizzole Mirko Corrà, ha rinunciato, lasciando il posto a Gino Fiocco, consigliere di San Giovanni Lupatoto. La surroga verrà deliberata nella prossima seduta del Consiglio, in programma mercoledì 25 luglio.

La rinuncia di Corrà

Fiocco ha una lunga esperienza amministrativa maturata a contatto con associazioni e cittadini. Di certo il suo sarà un contributo importante per il Consiglio Provinciale”, ha dichiarato il presidente della Provincia Antonio Pastorello. Ho rinunciato per due ragioni - ha spiegato il sindaco di Salizzole Mirko Corrà - La prima è avere il tempo necessario per seguire in modo adeguato gli impegni che ho come sindaco e come consigliere d’amministrazione di Acque Veronesi. La seconda è che ritengo corretto che qualcun altro faccia l’esperienza di consigliere Provinciale, carica che io ho già ricoperto in passato. Mi fa molto piacere che tocchi a Gino Fiocco, sia per la sua competenza sia perché rappresenta un Comune importante della nostra Provincia”.

Le prime parole del nuovo consigliere

Sono emozionato e soddisfatto per questa nuova opportunità - ha spiegato il nuovo consigliere provinciale - per me e per il Comune di San Giovanni Lupatoto. Ringrazio tutti gli amici amministratori che mi hanno sostenuto alle passate elezioni. Sarò un consigliere “Civico” anche qui, come lo sono a San Giovanni, a disposizione di tutti e in particolar modo del Presidente Pastorello”.