Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada

La 3^ domenica di novembre è per loro, perché il ricordo sia monito per tutti, istituzioni e Utenti della strada.

Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada
Garda, 16 Novembre 2018 ore 18:55

Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada. La 3^ domenica di novembre è per loro, perché il ricordo sia monito per tutti, istituzioni e Utenti della strada.

Ogni iniziativa utile

Dopo anni di battaglie da parte dei familiari delle vittime della strada, il 29 dicembre del 2017 il Governo con la legge 227 ha ufficializzato la terza domenica di novembre quale Giornata Nazionale in memoria delle Vittime della Strada. La legge impegna le Istituzioni a promuovere “ogni iniziativa utile a migliorare la sicurezza stradale e a informare gli utenti della strada, in particolare i giovani, sulle conseguenze che possono derivare da condotte di guida non rispettose del codice della strada” (art. 1, co. 1).

Numeri in aumento

Le persone che fanno parte della FEVR (Federazione Europea delle Vittime della Strada) riscontrano, purtroppo, che in Italia la strage segna un incremento, tanto che la nazione ha perduto posizione nella graduatoria europea della sicurezza stradale, passando dal 14° al 18° posto, e non che, secondo loro, sembra non poter raggiungere entro il 2020 l’obiettivo europeo del dimezzamento della strage rispetto al 2010. A questo dato si aggiungono i recentissimi dati di ACI, che ravvisano nella SR249 Gardesana Orientale una delle strade più pericolose della nostra regione, con il numero più alto di incidentalità per pedoni e due-ruote in tutta la Provincia di Verona.

Leggi anche: La Gardesana tra le strade più pericolose d’Italia per bici e moto

A Lazise

Domenica 18 novembre tutte le Sante Messe di Lazise, Colà e Pacengo saranno dedicate alla Giornata Azione collettiva di sensibilizzazione delle autorità tramite invio di una “cartolina del Ricordo” con una nuova richiesta. "Chiediamo riscontro alla petizione che ha raggiunto ad oggi oltre 11248 firmatari, non avendo ricevuto nessuna risposta ufficiale in merito alle intenzioni di Sindaci, Provincia, Regioni e Ministero competenti - hanno spiegato i promotori dell'iniziativa -. I singoli cittadini sono invitati a interpellare il Sindaco di Lazise, il Sindaco di Castelnuovo del Garda, la Provincia di Verona, la Regione Veneto, Veneto Strade e il Ministero dei Trasporti inviando un’e-mail o una lettera per chiedere una risposta concreta ai 3 punti citati nella petizione: messa in sicurezza della Gardesana Orientale SR249, messa in sicurezza delle strade comunali con banchine e marciapiedi, più accessi liberi e gratuiti alla ciclopedonale a lago".

GUARDA IL VIDEO: https://www.vittimestrada.org/articles.php?lng=it&pg=21086,

Il video, preparato in sede FEVR (Federazione Europea delle Vittime della Strada) evidenzia il peso umano della strage e, pertanto, la necessità di prevenirla: “La strada racconta storie. Perché siano a lieto fine, miglioriamo la sicurezza stradale”.