Cronaca

"I piloni della Transpolesana sono seriamente compromessi"

Bartelle: "Chiedo al compartimento veneziano di Anas di avviare al più presto un piano di manutenzione straordinaria"

"I piloni della Transpolesana sono seriamente compromessi"
Cronaca Villafranca, 03 Aprile 2017 ore 18:43

Bartelle: "Chiedo al compartimento veneziano di Anas di avviare al più presto un piano di manutenzione straordinaria"

La consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle Patrizia Bartelle informa che “nel mese di ottobre 2016, un pendolare, che quotidianamente percorre la statale 434, aveva documentato, con tanto di fotografie, lo stato di diversi piloni della Transpolesana, a suo dire seriamente compromessi". 

“Di qui – spiega l’esponente Pentastellata - la decisione di coinvolgere l'ingegnere Marco Polichetti, che ha quindi redatto una relazione tecnica, che è stata quindi inoltrata dalla sottoscritta all'Anas di Venezia. Nella relazione, il professionista segnalava lo stato di degrado ‘rilevante’ in cui versava la struttura”. 

"Da allora, però - prosegue la consigliera regionale - sulla vicenda è calato un silenzio assordante, che non posso non definire preoccupante: non sappiamo se siano stati effettuati sopralluoghi o verifiche, non sappiamo quale, nel caso, sia stato il responso. Insomma, nessuno si è fatto più sentire, cosa che alimenta le preoccupazioni di tutti, visti anche i crolli che si sono verificati in Italia negli ultimi mesi". 

"Chiedo quindi al compartimento veneziano di Anas – conclude Patrizia Bartelle - di avviare al più presto un piano di manutenzione straordinaria su tutti i manufatti in calcestruzzo presenti in quella tratta della Transpolesana, al fine di scongiurare ogni situazione di pericolo futuro. La sicurezza, si tratti di turisti, pendolari o, in generale, utenti della strada, non può essere relegata in secondo piano, mai.  Chi è investito della responsabilità della questione, si attivi per mettere in sicurezza il cavalcavia”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter