“Il nuovo collettore del Garda è fondamentale”

Azienda Gardesana Servizi e sindaci: avanti tutta!

“Il nuovo collettore del Garda è fondamentale”
Garda, 25 Settembre 2018 ore 14:57

“Il nuovo collettore del Garda è fondamentale”. Azienda Gardesana Servizi e sindaci: avanti tutta!

Collettore: opera fondamentale

Si sono riuniti ieri, lunedì 24 agosto, i 20 sindaci soci di Azienda Gardesana Servizi nell’assemblea in cui hanno approvato all’unanimità l’Ordine del Giorno nel quale hanno ribadito l’importanza decisiva e fondamentale del nuovo Collettore per la salvaguardia del lago di Garda, confermando che l’opera non è più rinviabile e che c’è la necessità di realizzare nei tempi più celeri possibili la nuova infrastruttura.

Diversi i punti trattati

Nello specifico, i sindaci hanno: ribadito la fiducia ai responsabili tecnici di Azienda Gardesana Servizi per il lavoro fin ad ora realizzato, confermando la validità e la correttezza dell’iter amministrativo e progettuale fino ad oggi eseguito: invitato il Consiglio di Amministrazione a procedere speditamente nel completamento dell’iter preventivato; rinnovato i ringraziamenti al ministro dell’Ambiente Sergio Costa per aver confermato, assieme alla Corte dei Conti, lo stanziamento di 100 milioni di euro necessari al finanziamento per il Collettore e per aver ribadito che va realizzato.

Progetto frutto di condivisione

Inoltre, hanno fatto proprie le conclusioni unitarie del tavolo tecnico, formato dai rappresentanti della regione Lombardia nella persona della dottoressa Viviane Iacone, della regione Veneto con il direttore del servizio idrico integrato e tutela delle acque Fabio Strazzabosco, da  ATO Veronese e da ATO Bresciana, rappresentate dai presidenti Claudio Melotti e Daniela Gerardini e dai direttori Luciano Franchini e Marco Zemello nelle quali la settimana scorsa hanno ribadito che il progetto tecnico attuale è frutto della condivisione del Ministero dell’Ambiente, delle regioni Veneto e Lombardia e delle due ATO ed è basato su “motivazioni tecniche importanti e valide”.

La comunità del Garda si impegna

E infine hanno fatto appello ai consiglieri regionali di Veneto e Lombardia, ai parlamentari e agli europarlamentari delle due Regioni per sostenere l’opera a livello territoriale, nazionale ed europeo, e hanno ribadito con forza il loro impegno come comunità del lago di partecipare al finanziamento del Collettore del Garda per invitarli e con questo spirito chiedono alle istituzioni sopracitate di aiutarli nel reperimento dei finanziamenti necessari, ma ancora mancanti, per il completamento del Collettore del lago di Garda.

Unanimità e sostegno

A chiusura della seduta il Presidente di Azienda gardesana Servizi, Angelo Cresco si è detto entusiasta del risultato: “Oggi è stata una giornata importante, perché tutti i sindaci di estrazioni politiche diverse e in opposizione tra loro, all’unanimità hanno approvato l’Ordine del Giorno che riconferma le scelte compiute fino ad oggi sia sul piano progettuale, sia amministrativo che programmatico. Un documento che si rivolge con forza ai nostri rappresentanti istituzionali di tutte le forze politiche perché ci sostengano in questa mission importante per difendere l’ambiente, per rafforzare l’economia, per dare un futuro ai nostri cittadini. Ora il nostro obiettivo quale è? Mantenere i tempi che ci siamo dati, la nostra road map punta a partire, all’indomani del progetto esecutivo, con il primo appalto per rifare il Collettore. Devo ringraziare il ministro Sergio Costa per aver riconfermato il finanziamento del collettore, inoltre voglio ringraziare per il sostegno dimostrato dal comitato di coordinamento delle regioni Lombardia e Veneto, dalle due ATO provinciali. L’appello è stato unanime perché siamo sicuri di essere seduti su di una bomba ecologica e non vogliamo che scoppi prima, ponendovi rimedio cercando di riuscire a disinnescarla”.

Andiamo avanti!

A margine anche il Presidente di Ats e sindaco di Castelnuovo, Giovanni Peretti, ha sottolineato che: “abbiamo con questo documento ribadito con forza che tutti i Comuni appartenenti ad Ags non possono più aspettare e che la politica nazionale deve ascoltare il territorio, quindi bisogna andare avanti con il progetto del collettore. Ci aspettiamo di essere ascoltati così come il nostro territorio per cui gli screzi tra ministeri, ministri e tecnici ci interessano relativamente. Noi sindaci siamo stati eletti democraticamente e abbiamo la responsabilità del futuro del nostro territorio e dunque vogliamo che le nostre esigenze vengano ascoltate”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità